Italia, Istat: nel 2009 crescono utenti Internet e lettori libri

venerdì 20 novembre 2009 12:15
 

ROMA (Reuters) - Nel 2009 crescono gli utilizzatori del personal computer e di Internet ma, a sorpresa, anche i lettori di libri, soprattutto tra i giovani. Lo ha rivelato l'Annuario statistico 2009.

Coloro che utilizzano il personal computer e Internet rappresentano ormai rispettivamente il 47,5% (44,9 nel 2008) della popolazione di 3 anni e oltre e il 44,4% (era 40,2%) di quella di 6 anni e più. L'uso del pc, in crescita in tutte le fasce d'età, coinvolge evidentemente soprattutto i giovani e tocca il livello massimo tra i 15 e i 19 anni (86% rispetto all'80% del 2008).

Rispetto al 2008, poi, crescono a sorpresa anche i lettori, dal 44% al 45,1%, soprattutto quelli "forti": la percentuale di chi ha letto 12 libri e più, infatti, passa dal 13,2% al 15,2%. E il dato è estremamente positivo in relazione ai giovani. I ragazzi tra gli 11 e i 14 anni rappresentano, infatti, la quota più alta di lettori: sono infatti il 64,7% quelli che dichiarano di leggere libri nel tempo libero.

Il dato è da considerarsi sorprendente perché l'abitudine alla lettura di giornali e libri non è particolarmente diffusa in Italia: nel 2009, infatti, coloro che hanno letto un quotidiano almeno una volta a settimana sono stati il 56,2% delle persone di sei anni e più mentre meno della metà (il 45,1%) ha dedicato parte del proprio tempo libero alla lettura di libri.

Per quanto riguarda l'utilizzo della tecnologia, invece, il dato preoccupante è quello relativo allo squilibrio tra Nord e Sud, sia nell'uso del pc (Nord e Centro rispettivamente al 51,5% e 48,8%, Mezzogiorno al 41,5%) che in quello di Internet (Nord e Centro rispettivamente al 48,3% e 46,8%, mentre il Mezzogiorno è fermo al 38%).

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Un'immagine d'archivio di giovani alle prese con Internet e computer. REUTERS/Stringer</p>