Macchina "made in Italy" dà crediti a chi ricicla rifiuti

mercoledì 28 ottobre 2009 12:42
 

MILANO (Reuters) - Una nuova tecnologia per i rifiuti riciclabili promette un metodo innovativo di raccolta differenziata col meccanismo del vuoto a rendere, attraverso macchine che in cambio di bottiglie di plastica Pet, lattine in alluminio e acciaio regalano bonus in euro, consentendo nel frattempo di monitorare a distanza tutto il ciclo di smaltimento.

E' quanto si ripropone di fare "Ecobank", prima macchina che sfrutta il meccanismo del vuoto a rendere per aiutare l'ambiente e che come informa una nota, viene presentata da oggi a"Ecomondo 2009", 13esima Fiera internazionale del recupero di materia ed energia e dello sviluppo sostenibile, in programma a Rimini sino a sabato 31 ottobre.

Ecobank, spiega ancora la nota, permette alle pubbliche amministrazioni di ridurre i costi della raccolta differenziata e ai cittadini di guadagnare soldi con un sistema progettato da Ept Engineering & Consulting e commercializzato da Tradingenia, società di Bolzano.

Il sistema, dice la nota, è stato lanciato con le prime due installazioni attivate nell'ambito di un progetto pilota in Piemonte, ad Alessandria e Valenza, contando oltre 850.000 pezzi conferiti in soli 5 mesi di attività.

I crediti (2 centesimi a pezzo) possono poi essere utilizzati in esercizi convenzionati (bar, supermercati e parcheggi della zona), mentre in un altro comune piemontese, Venaria, sta per partire un sistema diverso e personalizzato, che caricando il credito su una carta multiservizi consentirà anche di utilizzare i crediti per servizi comunali.

"Ecobank" è in grado di riconoscere e accettare solo i vuoti riciclabili, che devono essere integri, vuoti e con etichetta. Mentre un collegamento dalle macchine con la sede di Bolzano permette di monitorare in tempo reale lo svolgimento dello smaltimento.

 
<p>Un modello di Ecobank. REUTERS/Ho</p>