Brasile lancerà piano da 5,7 miliardi di dollari per banda larga

mercoledì 21 ottobre 2009 10:11
 

BRASILIA (Reuters) - Il Brasile presenterà a fine novembre un progetto da 5,74 miliardi di dollari volto ad estendere l'accesso ad internet tramite la banda larga a tutta la nazione e ha in programma anche di mettere all'asta due frequenze radio per l'inizio del 2010. Lo ha detto l'influente ministro delle comunicazioni brasiliano a Reuters.

Il presidente Luiz Inacio Lula da Silva, che vede nella banda larga l'elemento fondamentale per favorire lo sviluppo del Paese, vuole che la prima parte del progetto prenda corpo prima del termine del suo mandato, a fine 2010.

Secondo la società Idc, attiva nell'ambito della ricerca di mercato, solo il 5,2% della popolazione brasiliana usufruisce della banda larga, contro l'8,8% di Cile e Argentina.

Il ministro delle comunicazioni Helio Costa ha detto in un'intervista di essere più favorevole ad una partnership tra settore pubblico e privato per raggiungere l'obiettivo di assicurare la banda larga a tutta la nazione in cinque anni.

"Il governo non ha un'azienda in grado di gestire un business di queste dimensioni", ha detto Costa.

Il progetto governativo potrebbe apportare dei benefici non solo alle oltre 40 società di telecomunicazioni brasiliane ma anche ad altre aziende coinvolte nel progetto. Il grosso dell'investimento dovrebbe riguardare le infrastrutture, ovvero le antenne, le parabole e i cavi per la fibra ottica.

Il ministro delle comunicazioni confida che il presidente Lula opti per il modello pubblico-privato, che consentirebbe di usufruire delle infrastrutture delle aziende private già esistenti.

 
<p>Il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva. REUTERS/Paulo Whitaker</p>