Borse Asia Pacifico: indici in calo, pesano realizzi su tech

mercoledì 21 ottobre 2009 09:26
 

MILANO (Reuters) - I listini asiatici sono in lieve calo oggi condizionate prevalentemente dalle prese di profitto sul settore tecnologico ma rimangono comunque a ridosso dei massimi degli ultimi quindici mesi.

Il settore tecnologico ha di recente beneficiato di una indubbia ripresa della domanda di prodotti tech ma i trader hanno preferito non proseguire con nuove scommesse sul comparto in attesa di alcuni importanti dati macro cinesi di domani e a fronte di un indice settoriale MSCI IT per l'area Asia-Pacifico escluso i Giapponee che da inizio anno segna un guadagno dell'87%.

Sul mercato delle materie prime la relativa stabilità del dollaro e una crescita delle scorte hanno spinto le quotazioni del petrolio sotto i 79 dollari al barile.

Intorno alle 9,00 ora italiana l'indice regionale MSCI che esclude il Giappone viaggia in calo dello 0,5% dopo che ieri aveva toccati i massimi da fine luglio scorso. Il settore IT è è in calo dell'1,5% circa.

Male anche i settori legati alle materie prime e telcomunicazioni, principali responsabili del debole andamento delle borse di HONG KONG e SHANGHAI. In particolare, le tlc hanno risentito dei deboli risultati trimestrali di China Telecom, numero uno nella linea fissa, e dello scenario competitivo di China Mobile, il primo operatore al mondo nel mobile.

La peggiore borsa dell'area è quella di TAIWAN che ha chiuso in calo dello 0,67% dopo cinque sedute di guadagni: le prese di profitto sui tecnologici hanno spinto il principale indice azionario del paese Taiex al peggior calo giornaliero in quasi due settimane.

Al calo di SEOUL ha contribuito in particolare modo il ribasso di Samsung Electronics ma è da segnalare la buona prestazione di LG Electronics grazie alla trimestrale positiva.