Sky, su Digital key abile campagna di marketing, dice Rai

martedì 20 ottobre 2009 17:17
 

ROMA (Reuters) - La penna Usb che la pay tv Sky si appresta a lanciare a dicembre per consentire l'accesso a tutti i canali non a pagamento trasmessi in digitale terrestre ha "i connotati di una abile campagna promozionale e di marketing".

Lo dice il direttore generale della Rai Mauro Masi mettendo in dubbio che l'iniziativa di Sky comporti "una reale messa a disposizione a tutti i propri abbonati della programmazione digitale terrestre in chiaro".

"La 'chiavetta' di Sky, infatti, sarà disponibile soltanto per i decoder in Sky Hd e MySky Hd che costituiscono notoriamente una quota di minoranza dell'utenza Sky (inferiore al 10%). L'utilizzo dunque di questo strumento sarà, anche nel tempo, circoscritto ad un limitato numero di abbonati", dice Masi.

"Di fatto la limitazione dell'uso della chiavetta ai decoder Sky di nuova generazione ed in particolare a quelli in Hd restringe ancor di più il numero di abbonati serviti dalla Digitale Key poiché questi dovranno essere dotati di un televisore Full Hd. Notoriamente tutti i nuovi televisori sono obbligatoriamente provvisti di un decoder digitale terrestre integrato: la visione del digitale terrestre integrale è dunque già garantita dal televisore".

Inoltre, per Masi "occorre aggiungere che parte significativa dei televisori in Hd già venduti prima dell'obbligo del decoder integrato (che risale all'aprile scorso) era già in grado di ricevere il digitale terrestre a causa dell'elevato costo del televisore e della relativa necessità di dotarlo di tutti gli strumenti tecnologicamente più aggiornati, compreso il decoder Dtt".