Facebook guadagni potenziali superiori a Google da pubblicità

venerdì 16 ottobre 2009 15:16
 

di David Lawsky

PALO ALTO, California (Reuters) - La direttrice operativa di Facebook ha detto che la compagnia di social networking ha obiettivi, per quanto riguarda la raccolta pubblicitaria, superiori a quelli derivanti dalla ricerca che hanno fatto ricca Google Inc.

Sheryl Sandberg ha detto ieri, nel corso di un incontro con un gruppo di specialisti, che le entrate stanno crescendo così velocemente da aver fatto raggiungere di recente l'attivo che era stato previsto come obiettivo del 2010.

Un membro del consiglio generale ha rivelato a Reuters che la società si era data come obiettivo un utile di 500 milioni di dollari, per quest'anno. La Sandberg non ha fornito numeri che aggiornassero la stima.

La direttrice, che ha combattuto a lungo contro il pregiudizio che Facebook mancasse di un business model, ha spiegato come la società si aspetti di trarre profitti dalla nuova pubblicità diretta ai suoi 300 milioni di utenti.

Sandberg ha detto, inoltre, che la pubblicità è una piramide rovesciata che comincia in cima, intercettando molte persone e creando domanda, e arriva in fondo dove un gruppo scelto compra un prodotto.

Google intercetta, e lo fa meglio di chiunque altro, quelle persone che si trovano in fondo all'imbuto, quelle che sanno già cosa vogliono e hanno deciso di comprarlo.

"Se si guarda alla spesa pubblicitaria a livello globale, parliamo di un affare di circa 640 miliardi di dollari all'anno.....Solo il 10% della domanda viene soddisfatta", che è più o meno quel che fa Google con il servizio di ricerca", ha detto ancora.

"Il punto in cui noi ci collochiamo nel mercato della pubblicità è in quello della "demand generation", che è il restante 90% della piramide", ha detto qualche ora dopo che Google aveva dichiarato di aver raggiunto, nel terzo trimestre, un utile netto di 4,38 miliardi di dollari, andando al di là delle previsioni degli analisti.

Sandberg ha spiegato che Facebook è passato ad un approccio più simile a quello di Google, in cui lo stile dell'inserzione pubblicitaria richiama quello della ricerca.

Una storia di successo citata da Sandberg è quella di Starbucks Corp, che ha postato un video che ha suscitato proteste. Come risposta, Starbucks ha cambiato il video e si è guadagnato l'ammirazione dei membri di Facebook. La dirigente ha detto che il messaggio era: "Grazie mille, non è fantastico avere una società che ti ascolta?".

 
<p>Sheryl Sandberg, Direttrice operativa di Facebook in una foto d'archivio. REUTERS/Kimberly White</p>