Giochi, settore online ha maggiori potenzialità sviluppo -studio

venerdì 25 settembre 2009 13:17
 

MILANO (Reuters) - Nel settore dei giochi in Italia - 48 miliardi di giro d'affari in un anno, il 2,7% del Pil - il comparto più vivace e a maggiore potenzialità di sviluppo è costituito dal gioco online.

E' quanto emerge da uno studio di Ernst & Young che evidenzia come il gioco online, reso possibile dalla liberalizzazione introdotta dal decreto Bersani e ulteriormente ampliata con il decreto legge Abruzzo, ha raccolto nel 2008 giocate pari a 1,5 miliardi di euro, in crescita del 45% rispetto all'anno precedente.

Nei primi sei mesi del 2009 ha registrato un tasso di crescita della raccolta del 186%, principalmente dovuto al lancio dei giochi di abilità (i cosiddetti "skill game"), operativi da settembre 2008 e che rappresentano quasi il 60% delle giocate.

Secondo Ernst & Young il trend favorevole del settore online dovrebbe proseguire, con una stima complessiva per fine anno a circa 3,7 miliardi, il 150% in più rispetto al 2008, di cui 2,2 miliardi riconducibili agli skill game. Gli altri tipi di giochi sono i concorsi a pronostici e le scommesse a totalizzatore, mentre solo una piccola parte della raccolta è costituita da scommesse sportive e gratta e vinci virtuali.

L'analisi Ernst & Young mette in luce anche alcune evoluzioni della struttura del mercato; dal 2006 al 2008, si legge, il numero dei principali player sul mercato è aumentato da 9 a 16, con player storici in movimento dal modello solo fisico quello multicanale (Lottomatica, Codere, Atlantis) e con l'arrivo di nuovi operatori unicamente online come Gioco Digitale e Microgame.

Nel 2009 8 nuovi operatori hanno lanciato piattaforme di poker online: Leonardo Service Provider, Lottomatica, Bwin, Snai, Sisal, Cogetech, Eurobet (del gruppo inglese Gala) e Intralot.

 
<p>Un torneo di videogiochi. REUTERS/Johan Nilsson/Scanpix (SWEDEN)</p>