Otellini: Intel guarda oltre i pc, un mercato ormai maturo

mercoledì 23 settembre 2009 12:42
 

SAN FRANCISCO (Reuters) - Intel ha lanciato una piattaforma per sviluppatori di software, sottolineando che proseguirà nella ricerca di profitti più consistenti da settori dell'elettronica di consumo ed altri mercati, al di là del suo business centrale nel settore ormai maturo dei personal computer.

L'amministratore delegato Paul Otellini prevede che le vendite di personal computer arriveranno "come minimo" ai livelli di quelle del 2008, sottolineando le crescenti aspettative che le spese dei consumatori possano indurre ad una ripresa in un mercato depresso.

Ma mentre gli analisti prevedono che la maggior parte della rapida crescita futura per Intel verrà da settori diverso da quello dei pc, ieri Otellini ha detto che cellulari, software e cosiddetti chip "inseriti" saranno cruciali.

"Stiamo sbloccando il settore software", ha detto ai giornalisti Otellini durante una conferenza. "In questi nuovi spazi nell'elettronica di consumo e degli apparecchi portatili in particolare, ed in alcuni casi in netbook, da parte di Intel manca quel tipo di sviluppo di applicazioni virali che si vede su iPhone."

Gli investitori sono alla ricerca di una crescita annuale dei profitti a due cifre, ma questo potrebbe esser difficile da realizzare in un mercato maturo, mentre i prezzi dei computer calano, ha detto il vicepresidente di Wedbush Morgan, Patrick Wang.

"Se Intel guarda esclusivamente allo spazio nel campo dei pc avrà tempi duri nel cercare quel tipo di crescita, così stanno pensando all'altro settore di grossi volumi oltre a quello dei pc, quello degli apparecchi portatili e tascabili", ha detto Wang.

Il potenziale di questo settore è enorme. Le previsioni di crescita per le vendite nei telefonini portatili sono di 1,1 miliardi di pezzi nel 2009, col valore di 217,2 miliardi di dollari, secondo l'analista di Idc Francisco Jeronimo.

Intel, che in giugno ha annunciato una partnership con Nokia nei portatili, sta puntando a piccoli apparecchi collegati a Internet e congegni dotati di piattaforma Atom, nome in codice "Moorestown," previsti per il 2010, ed uno altro tipo su piattaforma Atom, nome in codice "Medfield," previsti per il 2011.

 
<p>Il logo di Intel al Consumer Electronics Show di Las Vegas. REUTERS/Rick Wilking</p>