3 settembre 2009 / 08:15 / 8 anni fa

Google, interruzione servizio e-mail rallenta lancio Google Apps

<p>Una sede di Google a Zurigo.Christian Hartmann</p>

di Jim Finkle

BOSTON (Reuters) - Gli sforzi di Google per convincere le aziende ad acquistare il suo servizio di posta elettronica hanno subìto un rallentamento questa settimana, dopo che un problema di connessione ha reso inattivi gli account di milioni di clienti corporate per quasi due ore.

L'interruzione (che non è la prima nell'ultimo anno) ha fatto crescere il timore che il servizio e-mail di Google -- ancora indietro rispetto a quello di Yahoo in termini di quota di mercato -- non sia abbastanza stabile e affidabile per gli utenti corporate.

Il gigante di Internet si è scusato per il disagio, impegnandosi a fare del suo meglio per evitare il ripetersi del problema, ha spiegato che cosa è successo e ha aggiunto tre giorni gratuiti all'abbonamento annuale per il servizio e-mail Google Apps per aziende, che costa 50 dollari all'anno a utente.

"La restituzione di soldi in un servizio e-mail è sempre una soluzione amara. Tutti preferirebbero un uptime ad un risarcimento", ha commentato l'analista Matt Cain, della società di ricerche di mercato Gartner.

La mossa infatti potrebbe non essere sufficiente a compensare la pessima pubblicità e il calo della fiducia a seguito dell'incidente, di cui la stampa ha parlato diffusamente.

E potrebbe vanificare gli sforzi condotti per convincere le aziende ad abbandonare le tecnologie di Microsoft e International Business Machines, che gestiscono milioni di account di posta elettronica.

"Questa è una cattiva notizia per Google. La posta elettronica è uno strumento chiave, e simili disservizi sono inaccettabili", ha detto l'analista Rebecca Wettemann, di Nucleus Research.

Google spera di arrivare a conseguire un guadagno stabile dagli utenti corporate, mentre la crescita della sua principale attività di pubblicità online inizia a mostrare segnali di rallentamento.

Noto per le ricerche e le pubblicità su internet che generano miliardi di dollari di entrate ogni anno, la compagnia ha dedicato oltre 2 anni e mezzo al lancio di Google Apps, che include servizi di posta elettronica, calendari, un software di elaborazione di testo e altri software basati su internet.

SUCCESSO LIMITATO

Fino ad ora però, gli sforzi hanno ottenuto un successo limitato.

Il portavoce di Google Andrew Kovacs ha detto che il numero di abbonamenti a pagamento è nell'ordine delle "centinaia di migliaia". La grande maggioranza dei 15 milioni di utenti corporate di G-mail utilizza infatti una versione gratuita del servizio.

Cain, di Gartner, ha detto che Google ha iniziato ad avere un seguito solo negli ultimi mesi, grazie all'aggiunta di caratteristiche interessanti per le aziende, tra cui un supporto per i dispositivi BlackBerry di Research in Motion e la possibilità di delegare l'utilizzo di e-mail e agenda ad altre persone.

Uno dei maggiori ostacoli è costituito dal fatto che Google ha definito il servizio come "beta" fino a luglio, cosa che ha fatto nascere il timore -- sostiene Cain -- che il prodotto non fosse ancora a livello ottimale.

Gli esperti credono che Google sia stato lento nel persuadere le aziende a pagare per il servizio perché non è facile convincere i clienti che quello che si sta offrendo loro è un servizio più completo.

"Una volta ci si abitua ad avere qualcosa gratis, ci si aspetta di poter ottenere di più sempre gratis", ha detto Trip Chowdhry, analista di Global Equities Research.

"Adesso per Google è difficile cambiare le abitudini della gente".

L'interruzione del servizio di martedì ha rafforzato questa percezione, dal momento che gli utenti paganti hanno avuto gli stessi problemi di quelli che utilizzano la versione gratuita. Google Apps promette di fornire agli utenti un servizio affidabile e di garantire una speciale protezione ai loro dati.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below