Dmt, AD: possibili acquisizioni torri entro anno

venerdì 28 agosto 2009 13:44
 

di Massimo Gaia

MILANO (Reuters) - Nell'ultima parte del 2009 Digital Multimedia Technologies spera che la stabilizzazione del quadro finanziario consenta di riaprire i dossier riguardanti i grandi progetti infrastrutturali e ipotizza il ritorno ad acquisizioni di portafogli di torri. E anche se nei mesi scorsi si sono fatti avanti potenziali compratori, il gruppo "non è in vendita".

E' quanto dice, in un'intervista a Reuters, Alessandro Falciai, presidente e amministratore delegato di Dmt.

Il gruppo che opera nelle infrastrutture per comunicazioni ha chiuso il primo semestre con ricavi e redditività in crescita, un risultato "ancora più forte se si contestualizza nel panorama industriale. E le aspettative sono ancora più buone per la seconda meta dell'anno". Infatti, "tradizionalmente, nella seconda metà dell'anno abbiamo un'attività più forte".

Il core business di Dmt, la divisione Towers, "ha confermato le aspettative, con tassi di crescita organici del 4%" fa notare Falciai, ricordando che ricavi e margini sono sicuri e prevedibili, in quanto legati a contratti di affitto pluriennali.

TORRI, DOPO STOP SI RIAPRE DOSSIER ACQUISIZIONI

Negli anni scorsi, Dmt aveva ingrossato il portafoglio di torri attraverso una politica di acquisizioni piuttosto aggressiva. Dopo lo stop degli ultimi mesi, con l'assestamento del settore del credito "potrebbe esserci una ripresa di selezionate acquisizioni nell'ultima parte dell'anno" dice Falciai.

"Non abbiamo problemi di debito, covenant, pagamento d'interessi. Non abbiamo bisogno di ricorrere al mercato finanziario" afferma poi il manager a proposito della struttura finanziaria.

Nei mesi scorsi, quando Ubs ha venduto un pacchetto di azioni Dmt, la presa di Falciai sul gruppo era parsa allentarsi e il dossier Dmt era passato dai tavoli di alcune banche d'affari a quelli di potenziali compratori, competitor e, soprattutto, operatori di private equity.   Continua...