Videogame, Npd: in Usa vendite in calo del 29% a luglio

venerdì 14 agosto 2009 12:45
 

SAN FRANCISCO (Reuters) - Le vendite di attrezzature e software per i videogame sono calate del 29% a luglio negli Stati Uniti a 848,9 milioni di dollari, secondo il gruppo di ricerca Npd, segno che anche l'industria del gioco zoppica nella crisi economica globale.

Le vendite di hardware sono scese del 37% da un anno fa, mentre quelle di software del 26%, spiega Npd. Le vendite di accessori per videogame sono calate invece del 12%.

Si tratta del quinto mese consecutivo in calo per l'industria del videgame americana. Le vendite anno-su-anno sono calate del 14%, in un settore finora relativamente risparmiato dalla crisi.

L'analista di Wedbush Morgan, Michael Pachter, spiega che i risultati di luglio sono più deboli del previsto, ma sottolinea che ormai il peggio è passato.

"Il fondo è stato peggiore del previsto, ma certamente l'abbiamo toccato", dice.

La Wii di Nintendo resta la console più venduta a luglio, nonostante le vendite siano calate di quasi la metà rispetto allo scorso anno, a circa 250.000 unità.

Al secondo posto c'è la Xbox 360 di Microsoft e secondo Npd è l'unica console a mostrare un incremento nelle vendite su anno finora.

PlayStation 3 di Sony è al terzo posto, seguita dalla PlayStation 2.

"NCAA Football 10" di Electronic Arts è invece il gioco più venduto del mese con 689.000 pezzi.

Gli analisti si aspettano un miglioramento nelle vendite per la secondo metà dell'anno, a iniziare da settembre quando arriveranno grossi titoli come "The Beatles: Rock Band" e nuove versioni di "Halo" e "Madden".

Pachter si aspetta che le vendite del 2009 chiudano piatte e che a settembre le vendite di videogiochi salgano tra il 30 e il 50% rispetto a un anno fa.

 
<p>Un giovane prova un videogame a un'esposizione di settore. REUTERS/Fred Prouser</p>