Ponte Italia-Silicon Valley con due eventi in cantiere a Milano

martedì 11 agosto 2009 15:13
 

MILANO (Reuters) - Due eventi in cantiere a Milano rilanceranno al ritorno dalle vacanze il ponte hi tech fra Italia e Silicon Valley per creare opportunità per idee made in Italy, in cerca di risorse e strumenti per trasformarsi in nuove imprese, anche oltreoceano.

E' quanto ha annunciato la Mind the Bridge Foundation, iniziativa non profit ideata e diretta da Marco Marinucci, manager genovese di Google negli Usa, che sino al prossimo 25 agosto raccoglierà progetti candidati al concorso di business plan per l'edizione 2009-10, premiando i migliori con un road show a Silicon Valley .

"Nelle edizioni precedenti abbiamo esaminato 120 proposte ma è la qualità a contare, più del numero", dice a Reuters Marinucci, al lavoro per fornire nuove opportunità ai talenti italiani creando le condizioni per offrire opportunità di sviluppo di business a nuove idee, in una rete di contatti da condividere fra imprenditori, aspiranti tali, investitori e istituzioni.

"Come parte del periodo di mentoring, le startup riceveranno moduli formativi come per esempio 'Presentation skills', 'Business planning", 'How to set up a dual company (US/Italy)'", dice ancora Marinucci. Spiegando che l'edizione 2009-10 sarà arricchita dalla nuova iniziativa del Mind the Bridge Gymnasium, incubatore e "palestra" per allenarsi a... seguire l'esempio di Fabrizio Capobianco, che l'ha ideata. Amministratore delegato di Funambol, azienda di tecnologie open source per telefonini considerata d'esempio per la sua articolazione, con sviluppo software a Pavia, marketing e financing a Silicon Valley, Capobianco è anche coordinatore del comitato selezionatore di Mind the Bridge. Grazie a Gym, le start up trovano aiuti concreti per affrontare la sfida californiana, con sede, contatti, infrastrutture e risorse.

UNA "PALESTRA" PER ALLENARSI AL SALTO NEGLI USA

Proprio il Mind the Bridge Gymnasium assieme alle aziende dell'acceleratore d'impresa del Politecnico di Milano sarà al centro del primo evento milanese, il prossimo 17 settembre al Politecnico, per iniziativa di Acceleratore e Fondazione dell'ateneo, alla presenza del nuovo console generale degli Stati Uniti a Milano Carol Z. Perez, dopo che l'ex ambasciatore Usa Ronald Spogli è stato fra i promotori del concorso, nell'ambito del progetto Partnership for Growth.

Per i business plan del nuovo concorso, il primo banco di prova sarà invece ancora a Milano per il Venture Camp - Trip to Silicon Valley and back", ospitato il 6 e 7 novembre nella sede del Corriere della Sera, media partner del progetto, spiega ancora Marinucci. Dove i candidati avranno la possibilità di illustrare i loro progetti ad un pubblico di imprenditori e investitori, in una due giorni trasmessa online dal vivo.

L'edizione conclusa lo scorso aprile ha portato in California start up come Free Pack Net (imballaggi riciclabili), Nanoxer (materiali isolanti ad alta prestazione), Passpack (gestione professionale di password online) e GliAffidabili (sistema di classificazione di servizi in base all'affidabilità), oltre a Zooppa (pubblicità online generata da utenti) che è stata la vincitrice della competizione.

"Mind the Bridge", che ha di recente ottenuto il prestigioso riconoscimento in California di organizzazione benefica con relative esenzioni fiscali, è un'iniziativa realizzata in collaborazione con First Generation Network (www.1generation.net), promossa da Sviec (Silicon Valley Italian Executive Council, here), Baia (Business Association Italy America, www.baia- network.org/), associazioni di imprenditori italiani di Silicon Valley. E' presente ora online anche in siti di social network quali Facebook e LinkedIn.

 
<p>Il logo di Mind the Bridge. REUTERS/Ho</p>