Causa a Piratebay, Fimi e Fpm chiedono 1 milione in risarcimento

giovedì 30 luglio 2009 13:34
 

MILANO (Reuters) - Fimi e Fpm, sigle dell'industria musicale italiana, hanno chiesto un risarcimento da un milione di euro ai creatori e gestori di Pirate Bay, uno dei più grandi siti del mondo per il download di file.

"La richiesta si basa sulle evidenze raccolte nel corso del procedimento penale di Bergamo dove, sia il gip sia il tribunale del Riesame di Bergamo, a seguito di un'indagine della Guardia di Finanza, hanno ritenuto che Pirate Bay fosse comunque in violazione della normativa italiana sul diritto d'autore", si legge in una nota diffusa oggi dalle due sigle.

I quattro svedesi responsabili del sito web PirateBay sono stati condannati in aprile a un anno di carcere e ad una pena pecuniaria di 3,6 milioni di dollari come risarcimento.

Il mese scorso l'azienda svedese di software Global Gaming Factory X AB ha annunciato che acquisterà Pirate Bay, precisando che troverà il modo di compensare i titolari del copyright per il materiale scaricato.

In Italia il sito piratebay.org è stato messo sotto sequestro dalla procura di Bergamo, dopo un'operazione della Guardia di Finanza, nell'agosto del 2008, secondo quanto riferito nella nota.

 
<p>Causa a Piratebay, Fimi e Fpm chiedono 1 milione in risarcimento. REUTERS/SCANPIX/Fredrik Persson</p>