YouTube: Google convinto che farà profitti in prossimo futuro

venerdì 17 luglio 2009 10:48
 

NEW YORK (Reuters) - YouTube registrerà profitti nel prossimo futuro: ne è convinto Google, il leader mondiale dei motori di ricerca, che dal 2006 è proprietario del sito di videosharing.

Google ha acquistato YouTube per 1 miliardo e 650 milioni di dollari, ma da tre anni perde soldi con le attività del popolare sito che consente di caricare e vedere filmati gratuitamente.

Gli analisti hanno espresso timori sui costi enormi legati alla diffusione in streaming di milioni di video, con la pubblicità che copre solo una piccola parte delle spese.

"Ora YouTube è una su traiettoria che ci fa piacere", ha detto ieri l'amministratore delegato di Google, Eric Schmidt, durante una conferenza telefonica.

Schmidt ha aggiunto che Google sta aiutando le agenzie di marketing e pubblicità a creare "grandi spot pubblicitari facilmente" per YouTube.

I dirigenti di Google hanno recentemente fatto dichiarazioni ottimistiche sulla crescita dei ricavi di YouTube. A una conferenza che si è tenuta nei giorni scorsi a Sun Valley, lo stesso Schmidt ha detto ai giornalisti che i nuovi formati pubblicitari, come le cosiddette inserzioni pre-roll che compaiono prima di una video sul web, assicureranno nuovi ricavi.

Ieri, il capo del management dei prodotti e del marketing di Google, Jonathan Rosenberg, ha detto che le "visioni monetizzate" - cioè coloro che guardano video a cui sono associate pubblicità - sono più triplicate nell'ultimo anno.

Rispondendo alla domanda di un analista, il responsabile finanziario di Google, Patrick Pichette, ha detto che i recenti sforzi per lanciare nuovi formati pubblicitari e promuovere video hanno contribuito a far sì che la home page del video venga considerata importante dagli inserzionisti in cerca di clienti.

"Siamo lieti per la crescita di ricavi (di YouTube)... in un futuro non lontano la consideriamo davvero come un'attività positiva e che porterà profitti", ha detto Pichette.

Ieri Google ha registrato profitti trimestrali che hanno superato le attese di Wall Street, ma la crescita dei ricavi non è stata eccezionale come speravano gli inserzionisti, e il titolo in Borsa è calato di circa il 3%.

 
<p>I co-fondatori di YouTube, Chad Hurley (a sinistra) d Steve Chen. REUTERS/Philippe Wojazer (FRANCE)</p>