Oracle valuta taglio fino a 1.000 lavoratori in Europa

venerdì 3 luglio 2009 10:09
 

BOSTON (Reuters) - Oracle Corp sta pensando di licenziare fino a mille lavoratori in Europa, o circa l'1% del suo staff complessivo, per colpa della crisi che sta comprimendo le entrate del gigante dei software. Lo ha scritto l'agenzia di stampa francese Afp.

La portavoce dell'azienda americana Deborah Hellinger non ha voluto rilasciare commenti.

Il secondo produttore al mondo di software sarebbe così una delle ultime grandi aziende tecnologiche a mettere in atto una significativa riduzione del personale per via della crisi economica.

Oracle si unirebbe, in questo percorso di ridimensionamento, a EMC, Hewlett-Packard, International Business Machines, Intel, Microsoft e SAP AG, tra le altre.

Le associazioni sindacali hanno appreso delle intenzioni dell'azienda tra lunedì e martedì durante i meeting del comitato dei lavoratori di Oracle, stando a quanto scrive l'Afp.

La società con sede a Redwood City, in California, ha fatto registrare, al 31 maggio, un totale di 86 mila impiegati, rispetto agli 84 mila 233 dello scorso anno. Circa un terzo di questi impiegati lavora negli Stati Uniti.

 
<p>Il presidente di Oracle Charles Phillips durante una conferenza stampa a Mumbai. REUTERS/Punit Paranjpe</p>