Microsoft rivede i limiti a Windows 7 Starter

sabato 30 maggio 2009 12:25
 

SEATTLE (Reuters) - Microsoft ha annunciato di non voler limitare il numero di applicazioni disponibili sull'edizione Starter del suo sistema operativo di prossima uscita Windows 7, rivedendo la sua iniziale strategia di limitarne la capacità per poi spingere gli utenti all'upgrade.

La mossa rappresenta una significativa retromarcia per Microsoft, mentre l'azienda cerca di stare al passo nel mercato dei computer piccoli ed economici -- i cosiddetti netbooks -- che sono il mercato principale della sua versione base del nuovo sistema operativo, il cui lancio è atteso entro la fine dell'anno.

Inizialmente, il gigante del software aveva previsto che su Starter si potessero usare solo tre programmi alla volta, mentre il nuovo piano ora non limita il numero delle applicazioni che possono essere usate.

"Crediamo che queste modifiche rendano Windows 7 Starter un'opzione ancora più attraente per i clienti che vogliono un piccolo pc per attività di base, come la navigazione sul Web, il controllo delle email e la produzione personale", scrive un dirigente di Microsoft sul blog pubblico della società.

Microsoft sapeva che il suo tentativo di limitare la capacità di Starter per poi provare a vendere gli upgrade non era stato accolto favorevolmente dai potenziali clienti e partner.

 
<p>Il logo di Microsoft REUTERS/Krishnendu Halder</p>