AD Yahoo: trattative con Microsoft continueranno per "un po'"

giovedì 28 maggio 2009 10:51
 

CARLSBAD, California (Reuters) - L'amministratrice delegata di Yahoo, Carol Bartz, ha dichiarato che qualunque accordo per uno spin-off o per la combinazione degli asset della ricerca sul web della compagnia richiederà un partner con "barcate di soldi" e ha aggiunto che la sua azienda sta parlando "un pochino" con Microsoft di una potenziale partnership.

Intervenendo ieri alla conferenza All Things Digital, Bartz ha detto che i popolari prodotti internet di Yahoo, tra cui il servizio e-mail e la sua homepage, restano le risorse fondamentali che permetteranno all'azienda di tornare a crescere.

Da quando è entrata in carica come AD, Bartz si è mossa rapidamente per riorganizzare Yahoo, tagliando posti di lavoro, chiudendo la produzione di alcuni prodotti e rivedendo la struttura del management.

Bartz ha detto che la compagnia punta a mantenere o addirittura aumentare la quota di quasi il 20% del mercato Usa per la ricerca su internet, ma ha aggiunto che questo non è necessario per il successo di Yahoo.

"Siamo percepiti come un luogo in cui la gente viene per avere informazioni, non attraverso la ricerca, ma attraverso grandi contenuti, grande lavoro redazionale e grande integrazione, e un approccio molto locale", ha detto Bartz alla conferenza che si è tenuta a San Diego.

Yahoo è il secondo motore di ricerca al mondo, dopo Google, che ad aprile controllava quasi il 64% del mercato Usa per la ricerca sul web, secondo i dati di comScore.

Bartz, 60 anni, ha preso le redini di Yahoo a gennaio, sostituendo il co-fondatore Jerry Yang che si è dimesso a seguito delle critiche per aver respinto un'acquisizione da 47,5 miliardi di dollari da parte del colosso dei software Microsoft.

Yahoo e Microsoft hanno recentemente parlato di diverse collaborazioni: una delle possibilità è che Microsoft gestisca l'attività pubblicitaria del motore di ricerca di Yahoo e che Yahoo gestisca le inserzioni pubblicitarie sui diversi siti di Microsoft, secondo quanto riferito da una fonte vicina alla situazione.

Ad una domanda sul futuro delle trattative tra Yahoo e Microsoft su un accordo per la ricerca su internet, Bartz ha risposto che i colloqui continueranno "per un po'".   Continua...

 
<p>Immagine d'archivio. REUTERS/Brendan McDermid (UNITED STATES)</p>