May 12, 2009 / 6:31 AM / 8 years ago

Pc, pirateria software in calo dell'1% in Italia nel 2008

4 IN. DI LETTURA

<p>Una persona al computer.Susana Vera</p>

MILANO (Reuters) - Il fenomeno della pirateria sul software per personal computer in Italia ha registrato una contrazione dell'1% nel 2008 rispetto all'anno precedente, sebbene le perdite causate nel settore siano cresciute del 7%.

E' quanto emerge da uno studio sulla pirateria software nel 2008 realizzato a livello globale dalla società di ricerca Idc, su commissione di Business Software Alliance (Bsa) l'associazione che rappresenta i maggiori produttori di software del mondo.

Come in Italia, così nella metà dei 110 Paesi oggetto dello studio, la percentuale di pirateria ha registrato una riduzione, mentre soltanto nel 15% dei casi si è verificato un incremento, scrive Bsa.

Tuttavia, il tasso di pirateria software globale è aumentato complessivamente per il secondo anno di seguito, dal 38 al 41%, in quanto le vendite di Pc sono cresciute più rapidamente nei paesi ad alto tasso di pirateria come la Cina e l'India, oscurando i progressi raggiunti altrove.

Lo studio evidenzia anche come la recessione economica globale stia avendo un impatto misto sulla pirateria software.

Secondo John Gantz, Chief Research Officer di Idc, i consumatori con minore potere di acquisto tendono a conservare per più tempo i propri computer, con un incremento della pirateria in quanto macchine più vecchie hanno maggiori probabilità di avere installato software privo di licenza.

D'altro canto si assiste a un boom di vendite di netbook poco costosi, che tendono ad avere precaricato software legittimo.

"La crisi economica avrà un forte impatto, in parte negativo e in parte positivo, ma rimarrà comunque soltanto uno dei molteplici fattori e i suoi effetti potrebbero non essere pienamente avvertibili fino a quando non saranno disponibili i dati relativi al 2009", ha detto Gantz.

Grecia Maglia Nera

In Italia le perdite causate al settore informatico dalla pirateria software nel 2008 sono cresciute del 7%, passando dai 1.277 milioni di euro dello scorso anno ai 1.361 stimati per il 2008.

"La dimensione delle perdite che subisce il settore evidenzia quanta strada rimanga ancora da percorrere per poter dire che l'Italia è un 'ambiente digitale legale e trasparente'", ha detto Luca Marinelli, presidente del comitato di BSA in Italia.

Dal 2003 a oggi il tasso di pirateria del software in Italia è passato da un picco del 53% al 48% stimato per il 2008.

Da anni i produttori di software come Microsoft insistono sulle ricadute dell'uso di software illegali in termini di crescita delle imprese, posti di lavoro ed entrate per l'erario. Bsa ha da tempo attivato controlli con le forze dell'ordine presso le imprese al fine di controllare l'uso legale dei software.

Un altro studio Idc del febbraio 2008 stimava che una riduzione del 10% in quattro anni potrebbe generare oltre 6.000 nuovi posti di lavoro, più di 700 milioni di euro di entrate per l'erario e più di 2 miliardi di euro di ulteriore volume d'affari per il settore IT.

"Per questo sosteniamo che, proprio nel difficile momento di crisi economica internazionale in cui ci troviamo, è essenziale investire nel software originale", ha detto ancora Marinelli.

Il rapporto ha anche evidenziato che nell'Europa Occidentale, i Paesi caratterizzati dai livelli più elevati di pirateria software sono stati la Grecia con il 57%, Cipro (50%) e, dopo l'Italia, l'Islanda con il 46%.

Tra i Paesi più virtuosi sono segnalati invece il Lussemburgo (21%), l'Austria (24%), e Belgio, Svezia e Svizzera (tutti sul 25%).

La Russia è il Paese che ha compiuto i maggiori progressi, con una riduzione di 5 punti percentuali in un anno, attestandosi al 68%, e di ben 19 punti in sei anni.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below