Ue potrebbe sanzionare illeciti di Intel in concorrenza

lunedì 11 maggio 2009 12:45
 

AMSTERDAM (Reuters) - Le autorità Ue di regolamentazione potrebbero dire in settimana che Intel ha pagato illegalmente produttori di computer per rinviare o cancellare il lancio di prodotti contenenti chip realizzati dalla sua principale rivale. E' quanto hanno riferito fonti informate della vicenda.

La Commissione Europea dovrà decidere mercoledì se multare la società prima produttrice al mondo di chip in base ad accuse di pratiche nella sua politica commerciale considerate da funzionari Ue "pure e semplici restrizioni" alla concorrenza, hanno detto le fonti.

Non ci sono indicazioni sull'eventuale ammontare della multa. La più pesante decisa dalla Ue per abusi di posizione dominante sul mercato è stata quella di 497 milioni di euro imposta a Microsoft nel marzo 2004.

Le fonti hanno riferito che si prevede che la Commissione stabilisca che Intel ha commesso due violazioni abusando di una posizione dominante sul mercato delle unità per il central processing, i chip che sono il cuore del miliardo di personal computer esistenti al mondo.

L'esecutivo Ue affermerà che Intel ha offerto compensi ai produttori di computer per limitare o eliminare l'uso di chip prodotti dalla rivale, Advanced Micro Devices, esercitando altre pressioni per spingere i commercianti a vendere solo macchine con processori Intel.

I portavoce della Commissione Ue e di Intel hanno detto che non ci sono commenti da parte loro.

 
<p>Immagine d'archivio. REUTERS/Claro Cortes IV (CHINA)</p>