Indagine: un terzo guidatori italiani non ricorda propria targa

martedì 5 maggio 2009 12:57
 

MILANO (Reuters) - Più di un terzo degli automobilisti italiani non ricorda il numero di targa della propria vettura, una percentuale che arriva al 43% fra le donne.

E' quanto ha rilevato una ricerca condotta da Research International per conto di www.assicurazione.it, primo comparatore prezzi online del mercato assicurativo italiano, riscontrando che sono ancora più alte le percentuali di chi non conosce la propria classe di merito per la polizza assicurativa.

Secondo i dati della ricerca, che ricorda come in media ogni nucleo familiare italiano possieda 2 auto, il 33% degli automobilisti italiani non ricorda il numero di targa del proprio veicolo, percentuale che arriva al 43% tra le donne o i guidatori più giovani (nella fascia 18-34 anni).

Riguardo alla propria classe di merito, dice la ricerca, il 41% degli intervistati dichiara di non conoscere questo dato, 50% nel caso in cui le intervistate siano donne.

"Assicurazione.it ha chiesto a Research International di condurre l'indagine (svolta alla metà di Aprile su un campione rappresentativo della popolazione italiana) per dimostrare come anche davanti a domande la cui risposta sembra ovvia il guidatore italiano sia spesso impreparato", spiega la società in una nota.

"I numeri che comunichiamo oggi danno un'ulteriore dimostrazione di quali siano le tante difficoltà davanti a cui si trova il guidatore italiano nel fare una polizza assicurativa", dice Alberto Genovese, amministratore delegato di Assicurazioni.it, ricordando che targa e classe di merito sono solo alcuni dei molti dati richiesti obbligatoriamente dalle compagnie assicurative, mentre sono gli unici richiesti da Assicurazione.it per compilare in automatico molti altri campi obbligatori (cavalli fiscali, anno di immatricolazione ecc ecc).

In Italia ogni anno, vengono sottoscritti 44 milioni di contratti RC Auto e il valore di questo mercato si aggira attorno ai 33 miliardi di euro. Assicurazione.it, a pochi mesi dalla messa online della sua versione beta, dichiara oltre 2.000 preventivi al giorno, affermando che il proprio sistema permette ai suoi utenti un risparmio medio di 500 euro.

 
<p>Indagine: un terzo guidatori italiani non ricorda propria targa. REUTERS/Charles Platiau</p>