Dall'Italia a Silicon Valley, premiata la creatività di Zooppa

giovedì 9 aprile 2009 08:48
 

di Roberto Bonzio

MILANO (Reuters) - Un'idea innovativa nella pubblicità, in un intreccio tra creatività diffusa e partecipazione attiva degli utenti online, ha vinto il concorso di progetti made in Italy, che dopo una serie di selezioni ha portato a Silicon Valley, cuore dell'hi tech mondiale, sei start up nate in Italia.

Lo ha annunciato in una nota Mind the Bridge, iniziativa non profit sostenuta dall'ambasciata americana in Italia.

"La vincitrice della competizione 2008/9 è Zooppa", annuncia il blog di Mind the Bridge.

Zooppa (www.zooppa.com) sfrutta le potenzialità della Rete per realizzare e scegliere campagne pubblicitarie. Le aziende possono indicare un prodotto e mettere un monte premi, gli utenti possono partecipare al concorso proponendo proprie campagne, idee o spot già realizzati. Che poi verranno selezionati e premiati in base alle scelte degli stessi utenti. I creativi possono così lanciare proposte innovative anche a grandi aziende. Che oltre ad un'ampia gamma di proposte offerte, possono monitorare le reazioni degli utenti stessi alle idee in gara ma in alcuni casi anche la percezione del prodotto da pubblicizzare. Sfruttando l'effetto "virale", visto che sono gli stessi partecipanti a prendersi carico attraverso la Rete di diffondere e far votare la propria proposta.

DONADON (H-FARM): DELUSIONE SISTEMA VENTURE CAPITAL ITALIANO

"La stiamo proponendo con un roadshow sulla costa ovest americana ad una serie di investitori... non so se si tradurrà in raccolta fondi ma è il primo passo", dice a Reuters Riccardo Donadon, ideatore di H- Farm, incubatore di idee innovative in provincia di Treviso dov'è nata Zooppa. Una settantina di giovani impegnati a realizzare e sviluppare iniziative innovative dalla tecnologia alla grafica, che in alcuni casi diventano start up di successo.

Sono già 51 le gare lanciate da Zooppa, ricorda Donadon, i concorsi attualmente vedono di scena Google e Poste Mobile, 400mila i commenti sinora inviati da utenti e una media di 800 contenuti per ogni gara, che si conclude in circa otto settimane.

Al timone di Zooppa un veterano, Will Merritt, già ai vertici di Time Warner e Corbis. "Zooppa di fatto è già americana. Perchè è difficile crescere solo in Italia", spiega Donadon. Che lamenta la "fatica pazzesca" di trovare capitali di ventura in Italia. "Una delusione fortissima nei confronti del nostro sistema, di venture capital più a parole che a fatti".   Continua...

 
<p>n dipendente della societ&agrave; tech Infosys Technologies mentre lavora su una panchina con un laptop. SK/PB</p>