Semiconduttori, vendite globali scese del 30,4% a febbraio

venerdì 3 aprile 2009 18:06
 

(Reuters) - Le vendite globali dei semiconduttori sono scese del 30,4% nel mese di febbraio, in un periodo di crollo della domanda per una vasta gamma di prodotti che impiegano chip, dai personal computer ai telefoni cellulari ai prodotti meccanici.

L'Associazione dell'Industria dei Semiconduttori (Sia) ha dichiarato che le vendite sono scese a 14,2 miliardi di dollari a febbraio dai 20,3 miliardi dell'anno scorso. Le vendite di febbraio sono risultate inferiori del 7,6% rispetto ai livelli di gennaio 2009.

"E' probabile che la domanda di semiconduttori continui a restare molto al di sotto rispetto ai livelli del 2008 per i prossimi trimestri, con un recupero graduale che andrà di pari passo con la ripresa dell'economia", ha detto il presidente della Sia George Scalise in un comunicato.

"Mentre sarebbe prematuro dire che il calo delle vendite ha toccato il fondo, ci sono alcune indicazioni che suggeriscono che il tasso di declino sia rallentato dall'ultimo trimestre del 2008", ha aggiunto Scalise.

Negli ultimi tre mesi del 2008 le vendite di semiconduttori sono diminuite rapidamente da un calo del 2,4% in ottobre a un calo del 22% in dicembre.

Le due maggiori fonderie del mondo hanno recentemente registrato leggeri miglioramenti nel tasso di utilizzo in azienda, anche se i livelli sono ancora ben lontani da quelli di un anno fa, ha detto Scalise.

La crisi economica globale ha dato un duro colpo al settore dei semiconduttori, che sta tagliando i costi e riducendo la forza lavoro per cercare di rimanere a galla.

 
<p>Un tecnico ispeziona un dispositivo in una fabbrica di semiconduttori. REUTERS/Cheryl Ravelo</p>