Gmail compie 5 anni, da oggi in italiano sperimentazioni Labs

mercoledì 1 aprile 2009 09:19
 

MILANO (Reuters) - Oggi Gmail, servizio di posta elettronica, compie 5 anni. E Google, come informa una nota, ha deciso di festeggiare il compleanno del suo popolare servizio gratuito annunciando la disponibilità in 49 lingue - compreso l'italiano - di Gmail Labs, l'ambiente in cui gli utenti possono provare le funzioni sperimentali di Gmail.

L'evoluzione della piattaforma, spiega Google, è costante e i Gmail Labs sono un laboratorio di innovazione continua.

Gmail Labs contiene attualmente oltre 40 strumenti utili o, semplicemente, divertenti, che gli utenti possono provare per personalizzare e arricchire le loro mailbox. Lanciato nel giugno 2008, fino a ora era disponibile solo in inglese.

Tra gli strumenti al momento disponibili per la sperimentazione: Gmail offline (per accedere alle mail, leggerle e scriverle anche se non è disponibile una connessione a Internet. Quando il collegamento viene ripristinato, le modifiche vengono automaticamente sincronizzate e le mail inviate); Annulla Invio (5 secondi per richiamare e annullare una mail inviata per sbaglio);· Mail Goggles (in determinati orari della giornata ad esempio a notte fonda, questo strumento chiede di risolvere semplici problemi matematici prima di procedere all'invio di mail delle quali ci si potrebbe pentire); Avviso di allegato mancante (evita che vengano spedite email prive di allegato, avvisando della sua mancanza); Cose da fare (aggiunge alla inbox una vista con le cose da fare. Le attività si possono aggiungere manualmente oppure direttamente da una mail).

Per abilitare Gmail Labs e cominciare a sperimentarne le funzioni, è sufficiente cliccare sull'etichetta "Labs" da "Impostazioni" (menu in alto a destra nell'Inbox).

Per chi ancora non ha Gmail, l'attivazione gratuita del servizio si può effettuare a questo link: mail.google.com.

Ulteriori informazioni sull'evoluzione di Gmail in questi 5 anni, in questo post sul blog di Google: "here".

 
<p>Un'immagine dei Gmail Labs. REUTERS/Ho Google</p>