Canada,scoperta rete spionaggio su pc di tutto il mondo,dice Nyt

domenica 29 marzo 2009 12:18
 

WASHINGTON (Reuters) - Un gruppo di ricercatori canadesi ha scoperto una vasta operazione di spionaggio informatico ai danni di computer da cui venivano rubati documenti di governi e di uffici privati in tutto il mondo, tra cui quelli del Dalai Lama, secondo quanto riferito dal New York Times.

Secondo il quotidiano, un'equipe del Munk Center per gli studi internazionali di Toronto ha detto che almeno 1.295 computer in 103 Paesi sono stati violati in meno di due anni dal sistema di spionaggio, soprannominato GhostNet.

Ambasciate, Ministeri degli Esteri, uffici governativi e le sedi del Dalai Lama in India, a Bruxelles, Londra e New York sono alcune delle sedi prese di mira dalla rete di spionaggio, secondo quanto riferito dai ricercatori che hanno detto che non ci sono prove che anche gli uffici del governo Usa siano stati violati.

Secondo gli studiosi, responsabili delle violazioni sarebbero dei computer localizzati quasi esclusivamente in Cina, anche se il gruppo di ricercatori non si è spinto a parlare di un coinvolgimento del governo cinese nel sistema, che ha descritto come tuttora attivo.

Un portavoce del consolato cinese a New York ha negato la possibilità che la Cina sia coinvolta nell'affaire.

I ricercatori di Toronto hanno cominciato il loro lavoro dopo la richiesta da parte dell'ufficio del Dalai Lama, il leader spirituale del Tibet, in esilio, di controllare i propri computer alla ricerca di eventuali software dannosi o malware.

 
<p>Canada,scoperta rete spionaggio su pc di tutto il mondo,dice Nyt. REUTERS/Hannibal Hanschke</p>