Internet, Nokia sta per chiudere il suo sito "Mosh"

giovedì 19 marzo 2009 12:54
 

HELSINKI (Reuters) - Per dare visibilità ai propri servizi su Internet, nel 2007 Nokia ha dato voce agli utenti aprendo il sito "Mosh", che consentiva alla gente di scrivere quello che voleva.

A meno di due anni dal lancio, il principale produttore al mondo di telefoni cellulari ha deciso di farla finita con "il potere della gente" e ha deciso di chiudere un sito che ha attirato tantissimi utenti da tutto il mondo, a differenza della maggior parte dei nuovi servizi di Nokia.

Mosh (mosh.nokia.com/) è un normale sito Web al quale si può accedere da telefonini o smartphone, e si può usare anche dal personal computer.

Gli utenti lo hanno paragonato alle origini di Internet, quando si poteva accedere ai contenuti e condividerli gratuitamente.

"Non sappiamo dove andremo a finire e non ne abbiamo il completo controllo", aveva spiegato a Reuters, George Linardos, uno dei fondatori del sito, poco dopo il suo lancio.

Anche se non ci sono date ufficiali per la chiusura di Mosh, Nokia dovrebbe lanciare il suo nuovo portale online "Ovi" a maggio, risultato della fusione dello store di software "Download!", di Mosh e del servizio "WidSets".

Come Internet, Mosh ha attirato anche molti contenuti pornografici e ha provocato qualche grattacapo a Nokia nei rapporti con le major discografiche, con le quali Nokia collabora per garantirsi l'offerta di canzoni.

Mosh ha registrato fino a oggi 137 milioni di download. La partenza è stata meno brillante di quella di App Store di Apple, ma occorre dire che è avvenuta in assenza di spinte pubblicitarie.

 
<p>Una insegna Nokia al congresso "Nokia World 08" a Barcellona. REUTERS/Albert Gea</p>