Crisi, Sony in perdita congela salari. Altri potrebbero seguire

giovedì 19 marzo 2009 09:53
 

TOKYO (Reuters) - La giapponese Sony ha annunciato oggi che congelerà per quest'anno i salari dei dipendenti, mentre è impegnata a porre riparo a una perdita da record. Una strada che potrebbero seguire anche i suoi principali concorrenti, di fronte al calo delle vendite.

In Giappone la disoccupazione è in aumento, mentre i cali nelle esportazioni costringono le aziende a ridurre la produzione, e il comparto tecnologico risulta tra quelli più colpiti.

A differenza di molte società del Sol Levante, Sony non aumenta automaticamente gli stipendi ogni anno sulla base dell'anzianità, ma tiene in considerazione piuttosto elementi come il ruolo personale e le prestazioni.

"Questa volta abbiamo deciso di mantenere inalterati i salari", ha detto la portavoce di Sony Mami Imada.

Altre tre aziende tech giapponesi -- Toshiba, NEC e Hitachi -- hanno annunciato ieri che stanno valutando di assumere un'analoga decisione.

La crisi finanziaria globale e la forza dello yen, che a gennaio ha raggiunto i valori massimi da 13 anni, sta spingendo Sony verso una perdita operativa prevista di 2,9 miliardi di dollari per l'anno finanziario attuale, che termina il 31 marzo.

 
<p>Una donna passa davanti a un televisore Sony a Tokyo. REUTERS/Toru Hanai</p>