Nokia sfida Apple nell'offerta di software online

martedì 10 marzo 2009 16:12
 

di Tarmo Virki, corrispondente europeo di tecnologia

HELSINKI (Reuters) - Nokia Oyj scommette che una più ampia e dettagliata offerta di media e software per i suoi telefoni si rivelerà efficace nell'attrarre la domanda all'apertura del nuovo store online Ovi, prevista per maggio, in competizione con l'App Store di Apple.

Lo store di Apple si è affermato nel mercato dei software nel mondo dei dispositivi mobili, con oltre 500 milioni di applicazioni scaricate in soli sei mesi.

Il mercato di Nokia è potenzialmente maggiore: l'azienda sostiene che Ovi raggiungerà circa 50 milioni di consumatori quando aprirà, mentre Apple finora ha venduto meno di 20 milioni di iPhone.

Ma questo da solo non garantisce il successo di Nokia.

Mentre centinaia di milioni di persone usano il telefono ogni giorno, Nokia deve ancora raggiungere il successo di Apple nel far pagare il download dei software, ed è anche arrivata in ritardo rispetto ad Apple nell'introduzione dei popolari telefonini con touch screen.

Nokia sostiene che darà il 70% delle entrate provenienti dai download agli sviluppatori, proprio come Apple, se i consumatori pagheranno con carta di credito.

Ma se i consumatori decideranno di pagare tramite il loro operatore, un'opzione disponibile inizialmente in nove paesi, gli sviluppatori avranno un profitto inferiore.

"A causa della copertura geografica, le carte di credito resteranno probabilmente la principale modalità di pagamento" ha detto Marco Argenti, vice presidente del settore media di Nokia. "Sarà il sistema di pagamento di default in tutto il mondo. (Ma) in nove paesi ... sarà possibile pagare anche attraverso gli operatori".

Nei casi in cui potranno scegliere, più dell'80% dei consumatori pagheranno attraverso gli operatori, come mostrano i dati di Nokia rilevati dall'uso del suo servizio videogiochi N-gage.