Manchester,16enne uccide coetaneo in litigio per Xbox: arrestato

venerdì 20 febbraio 2009 17:18
 

LONDRA (Reuters) - Un adolescente britannico è stato arrestato oggi per aver ucciso un suo coetaneo in un litigio per una console da videogame.

Shane Boyd, 16 anni, ha accoltellato a morte Conor Black durante una festa nella città inglese di Manchester dopo averlo accusato del furto di una console Xbox. Lo ha riferito la polizia.

Lo studente Black, anche lui 16enne, è stato attaccato dopo il suo arrivo insieme ad alcuni amici ad una festa in casa ad agosto dell'anno scorso, secondo quanto riferito davanti alla giuria della Crown Court di Manchester.

Boyd gli si è avvicinato, lo ha colpito in testa con una lattina di birra e poi lo ha accoltellato alla schiena con un coltello da cucina quando ha cercato di fuggire. Black ha cercato di uscire dalla casa ma è crollato a terra dopo pochi passi ed è morto nel tragitto verso l'ospedale.

Più tardi Boyd si è vantato alla festa di essere il migliore, e ha minacciato di uccidere chiunque avesse fatto il suo nome alla polizia.

Condannandolo a passare almeno 11 anni dietro le sbarre, il giudice ha detto che usare un coltello da cucina non è il modo di risolvere un litigio da niente.

"Siamo tutti sconvolti per la morte di Conor", ha detto la famiglia in una nota.

"Tutte le speranze e i sogni di una famiglia sono stati infranti quando la vita di Conor è stata rubata in questo modo terribile e violento".

In Gran Bretagna si è registrato un aumento della criminalità tra gli adolescenti nell'ultimo anno, e solo giovedì due ragazzi sono stati accoltellati a morte.

Il problema ha sollevato un dibattito nazionale e il governo e le forze della polizia hanno promesso che prenderanno dei provvedimenti.