Usa, tv connesse al web per ampliare l'offerta di programmi

lunedì 26 gennaio 2009 11:26
 

DENVER (Reuters) - La più vecchia delle domande: "C'é qualcosa di buono in tv?" potrebbe avere presto una nuova risposta: musica.

Una nuova generazione di set tv collegati a Internet sta emergendo come strumenti potenzialmente utili per l'industria discografica nella sua continua rincorsa per riuscire a estendere ai salotti la musica digitale.

Come rilevato in un servizio online della rivista Billboard, a giudicare dal vociferare che ha messo in collegamento televisori di Samsung, Sony, Vizio e LG ad un evento come l'International Consumer Electronics Show in Las Vegas ai primi di gennaio, l'accesso a Internet potrebbe presto diventare una funzione importante per gli acquirenti di televisori, alla pari delle dimensioni dello schermo e della risoluzione.

Tentativi di portare la connessione online sugli schermi tv non sono nuovi. Quel che è diverso è che invece di usare queste tv come strumenti per navigare nel web, i produttori di televisori si stanno cimentando nel fornire un'ampia gamma di contenuti nell'intrattenimento. Primo obbiettivo naturalmente quello di estendere la gamma di programmi.

I televisori con connessione non richiedono un decoder a parte per scaricare film da Netflix o Blockbuster o vedere video su YouTube. Ma la musica non è così lontana. Rhapsody, che è già rintracciabile attraverso TiVo DVRs, ha firmato di recente un accordo con il produttore di televisori Vizio di Irvine, California, per integrare il suo servizio di musica a pagamento nei nuovi modelli connessi HDTV che il produttore sfornerà in autunno. Questo consentirà a chi avrà un televisore Vizio di accedere ai servizi di Rhapsody senza un apparecchio a parte.

NECESSARIE TRATTATIVE

Yahoo e Intel si sono alleate per lanciare TV Widgets, una tecnologia che permette agli utenti di accedere a siti web e a servizi online attraverso la tv mentre guardano i loro programmi preferiti.

Accesso a siti come MySpace sarà precaricato in autunno in televisori con connessione. I provider di musica digitale stanno anche trattando con gli operatori di tv via cavo per rendere accessibili com'è per HBO (emittente di Time Warner con contenuti a pagamento ndr). Questo richiederà estese trattative con operatori via cavo e case discografiche per abbassare i costi mensili. Dopo di che, i servizi di musica digitale si concentreranno sull'hardware della tv. Sinora la maggior parte degli sforzi per portare la musica digitale nei salotti ha richiesto soluzioni costose come il sistema wireless multistanze o ponti di connessione fra media come Roku Soundbridge. Anche console da videogiochi come Xbox 360 di Microsoft hanno fornito una opportunità per ascoltare musica online, con una serie di ricevitori radio attivabili su Internet, alcuni dei quali hanno incorporati Rhapsody o Napster. Tuttavia ancora nessuno di questi sistemi ha trovato un pubblico di massa. L'agenzia di ricerche di mercato Parks Associates stima che negli Usa ci siano solo mezzo milione di adattatori digitali.

"E' una categoria di nicchia, ed i prodotti davvero buoni sono a pagamento", dice il vicepresidente principale analista di Parks Associates Kurt Scherf.   Continua...