Arriva il primo videogame in 3D indiano, si ispira a Bollywood

giovedì 22 gennaio 2009 11:07
 

NEW DELHI (Reuters) - Un thriller bollywoodiano di successo che racconta di un uomo con perdita della memoria a breve termine ha ispirato il primo videogioco indiano in 3D, in un paese dove l'industria dell'animazione dei videogame ha sempre stentato a crescere ma potrebbe raggiungere un valore di 1,3 miliardi di dollari quest'anno.

Il gioco per pc, basato sul film in lingua hindi "Ghajini", è stato lanciato in India questo mese e sarà commercializzato in tutto il mondo dal distributore cinematografico Eros International.

Ghajini, un successone ai botteghini lo scorso anno nella più grande industria cinematografica al mondo in termini di volume, si ispira vagamente a thriller hollywoodiano Memento di Christopher Nolan, film del 2000 che ricevette una nomination all'Oscar.

"Non ci sono giochi indiani e così (...) abbiamo realizzato il primo gioco in 3D dell'India", ha detto Sashi Reddy, numero uno dei laboratori Fx che hanno sviluppato il videogame.

Il film "Ghajini" vede nei panni del protagonista l'attore Aamir Khan, una star in India, e racconta di un uomo d'affari che inizia a soffrire di amnesia a breve termine dopo essersi scontrato con malviventi che uccidono la sua fidanzata. La trama del film è incentrata nella sua ricerca di vendetta nonostante l'handicap.

La tempistica per il lancio del gioco -- i cui produttori sperano replichi il successo del film -- sembra essere perfetta: la riforma economica e la liberalizzazione iniziata all'inizio degli anni 90 ha dato agli indiani più disponibilità finanziarie mentre il diffondersi della tv via cavo li ha aperti alla voglia di nuove esperienze culturali.

Si attende una crescita del mercato indiano del settore quest'anno per un valore di 1,3 miliardi di dollari contro i 300 milioni di dollari del 2006. L'industria dei videogame impiega 30.000 persone solo tra tecnici ed esperti di animazione, secondo quanto afferma la National Association of Software and Service Companies, la principale lobby del settore.

 
<p>L'attore indiano Aamir Khan, protagonista del film "Ghajini". REUTERS/Manav Manglani</p>