14 gennaio 2009 / 12:37 / 9 anni fa

Google punta a far concorrenza a Microsoft usando rivenditori

<p>Immagine d'archivio.Robert Galbraith (UNITED STATES)</p>

NEW YORK (Reuters) - Il leader del settore ricerca web Google ha compiuto oggi un altro passo verso la concorrenza diretta con Microsoft reclutando rivenditori di informatica per proporre a clienti aziendali le proprie applicazioni basate su web.

Dalla fine di marzo, rivenditori autorizzati saranno in grado di vendere, personalizzare e sostenere versioni a pagamento di Google Apps, che comprendono programma di scrittura, fogli di calcolo, calendari ed email.

Google Apps è complessivamente simile al programma di successo di Microsoft Office, ad esclusione del fatto che Apps è completamente basato su web e fa parte della strategia di Google verso il cosiddetto "cloud computing" o software come servizio. Microsoft aveva detto in ottobre di puntare a sua volta a funzioni basate sul web per le sue applicazioni Office.

Dal lancio nel febbraio 2007 di Google Apps, Google l'ha venduto solo direttamente a utenti aziendali sul web. Secondo gli analisti, il passo di orientarsi verso terze parti è necessario se Google spera di competere seriamente con Microsoft o Ibm.

Microsoft, prima società al mondo del software, vende oltre il 95% del suo software attraverso più di 440.000 rivenditori terze parti, secondo Gartner Research, e intende investire circa 3 miliardi di dollari gestendo questi canali di vendita nel 2009.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below