Teheran,blogger iraniano-canadese in carcere, accusa:spionaggio

martedì 30 dicembre 2008 13:42
 

TEHRAN (Reuters) - Un noto blogger iraniano-canadese, di cui da qualche settimana si erano perse le tracce, si trova in carcere ed è sotto inchiesta, secondo quanto ha confermato oggi per la prima volta ufficialmente l'organo giudiziario del paese.

L'ultimo aggiornamento dello spazio in rete di Hossein Derakhshan, soprannominato "Blogfather" per il suo ruolo da pioniere in una vera e propria rivoluzione del blog in Iran, risale allo scorso ottobre (il sito è su www.hoder.com/weblog), e secondo i media canadesi -- che citano un amico del blogger -- l'uomo è stato arrestato lo scorso 1 novembre durante una visita in Iran.

Derakhshan -- aggiungono i media canadesi -- è accusato di spionaggio a favore di Israele, stato non riconosciuto dalla Repubblica Islamica.

"Il suo caso è allo stato delle indagini preliminari presso una Corte rivoluzionaria e lui è al momento detenuto in un carcere di Teheran", ha detto la portavoce del tribunale Alireza Jamshidi durante una conferenza stampa, rispondendo a una domanda sul caso Derakhshan, senza fornire però ulteriori dettagli.

Le Corti rivoluzionarie si occupano di casi riguardanti la sicurezza nazionale.

Il premio Nobel per la pace iraniano Shirin Ebadi ha lanciato un appello questo mese per il rilascio del blogger, anche se aveva dichiarato di non poter affermare con certezza che fosse detenuto.

Derakhshan, 33 anni, lavorava come giornalista a Teheran prima di trasferirsi a Toronto nel 2000, ed è divenuto famoso dopo aver pubblicato istruzioni su come creare blog in lingua persiana, che hanno visto poi un boom in Iran.

Derakhshan aveva di recente attenuato la visione critica verso il governo di Teheran che lo aveva caratterizzato in passato. Dopo aver visitato Israele nel 2006, aveva detto che quel viaggio avrebbe potuto significare che non sarebbe riuscito a tornare in Iran "per molto tempo".

 
<p>Un computer con una pagina di un blog REUTERS/Yuriko Nakao</p>