Facebook, proteste per divieto a foto di allattamento al seno

martedì 30 dicembre 2008 09:40
 

CANBERRA (Reuters) - Sono indecenti le foto di una mamma che allatta al seno il suo bambino? Il sito di social network Facebook ha suscitato un ampio dibattito online, con proteste, dopo aver rimosso foto che facevano vedere troppo di un seno materno.

Il portavoce di Facebook Barry Schnitt ha detto che il sito web non interviene nella maggior parte di casi di immagini di allattamento materno che rispettano le norme sulle condizioni di uso ma che altre vengono rimosse per assicurare che il sito sia sicuro e protetto per tutti gli utenti, bambini compresi.

"Foto che mostrano un seno per intero (con capezzolo e aureola) violano queste condizioni (sul materiale osceno, pornografico e sessualmente esplicito) e possono essere rimosse", ha spiegato in una dichiarazione.

"Le foto su cui interveniamo solo quasi esclusivamente quelle segnalateci da altri utenti che si lamentano".

Ma la decisione di Facebook di vietare alcune immagini ha fatto arrabbiare altri utenti, come Kelli Roman, una mamma americana che ha visto sparire da Facebook le foto in cui allattava la figlioletta.

La Roman ha così lanciato una petizione online chiamata "Hey Facebook, breastfeeding is not obscene!" (l'allattamento al seno non è osceno), concentrando una protesta che la settimana scorsa ha spinto un gruppo di manifestanti ad organizzare un "allattamento" virtuale ed una piccola dimostrazione davanti alla sede di Facebook a Palo Alto, California.

La petizione ha raccolto sinora oltre 80.000 firme e oltre 10.000 commenti, rilanciando il dibattito sull'opportunità o meno dell'allattamento in pubblico.

 
<p>Mark Zuckerberg, fondatore e amministratore delegato di Facebook, durante una presentazione. REUTERS/Kimberly White</p>