Guasto a cavi, iniziate operazioni per ripararli

domenica 21 dicembre 2008 18:37
 

PARIGI (Reuters) - Sono iniziate oggi nel Mediterraneo le operazioni per riparare i cavi sottomarini che si sospetta siano stati danneggiati dall'ancora di una nave e il cui guasto ha provocato malfunzionamenti ai servizi Internet e di telecomunicazione in molti Paesi di Asia e Medio Oriente.

Gli esperti sono arrivati sul posto dove si è verificato il danno, tra la Sicilia e la Tunisia su una nave alle 14,30 ora italiana.

Dalla nave è stato poi inviato un robot sottomarino che avrà il compito di sistemare i cavi, secondo quanto riferito da un portavoce di France Telecom, armatore e operatore telefonico.

"Il robot ha iniziato il suo lavoro", ha detto Louis-Michel Aymard, facendo riferimento al robottino "Hector" di France Telecom Marine. Secondo quanto riferito i lavori di riparazioni dureranno fino a fine anno.

Il danno, che si è verificato alle 8,30 circa di venerdì, ai cavi SEA-ME-WE3, SEA-ME-WE4 e FLAG, di proprietà di diversi operatori, ha provocato malfunzionamenti di vari livelli dallo Zambia all' India e a Taiwan. Anche un quarto cavo, che collega l'Italia e Malta, è stato danneggiato.

Nel pomeriggio, l'Egitto aveva fatto sapere di aver ripristinato oltre l'80% della sua capacità Internet.

Il Ministero egiziano delle Comunicazioni ha detto in una nota di non aver ricevuto lamentele da parte delle istituzioni finanziarie nel Paese per alcun tipo di disguido alle loro attività.