Giappone, attivisti chiedono blocco del programma Street View

venerdì 19 dicembre 2008 09:56
 

TOKYO (Reuters) - Un gruppo di avvocati e professori giapponesi ha chiesto oggi che Google non fornisca più su Internet immagini dettagliate delle strade delle città giapponesi, sostenendo che il suo programma Street View viola la privacy.

Street View mette a disposizione le fotografie di 12 città giapponesi, scattate al livello della strada e a 360 gradi e offre lo stesso servizio anche per circa 50 città negli Stati Uniti e in altre zone dell'Europa.

Il programma permette agli internauti di fare passeggiate "virtuali" lungo le strade, usando il mouse per scegliere in che direzione andare.

"Abbiamo forti sospetti che Google (con Street View) violi un diritto umano elementare", ha spiegato a Reuters Yasuhiko Tajima, professore di diritto costituzionale alla Sophia University di Tokyo.

"E' necessario far sapere alla società che un colosso dell'Information Technology (con quel programma) viola apertamente i diritti della privacy, diritti importanti di cui godono i cittadini".

La "Campagna contro la sorveglianza della società", un gruppo di attivisti giapponesi di cui Tajima è a capo, chiede che Google blocchi il suo servizio Street View per le città giapponesi e cancelli tutte le immagini salvate.

Al momento l'ufficio di Google a Tokyo non è in grado di fornire un commento.

Il programma di Google ha fatto aumentare i timori per la tutela della privacy sui media giapponesi, soprattutto dopo che alcune persone hanno riconosciuto la propria immagine su Street View.

Il programma ha sollevato timori analoghi anche in altre parti del mondo, tra cui Stati Uniti ed Europa.

 
<p>Il logo di Google, immagine d'archivio. REUTERS/Robert Galbraith (UNITED STATES)</p>