Telecom, ok Authority a impegni su rete e aumento canone

giovedì 11 dicembre 2008 19:20
 

ROMA (Reuters) - L'Agcom ha dato oggi il via libera al piano di impegni di Telecom Italia per garantire parità di accesso alla rete fissa a tutti gli operatori.

Lo ha annunciato il presidente dell'autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Corrado Calabrò, insieme con l'AD Telecom, Franco Bernabè.

Calabrò ha anche confermato il via libera agli aumenti del canone per la rete fissa che dal primo febbraio prossimo costerà 1,26 euro in più, dagli attuali 12,14 euro a 13,40 euro.

Il Garante per le tlc ha anche chiarito che l'Agcom non aveva nessun obbligo di notificare in via preventiva a Bruxelles gli impegni di Telecom sull'apertura della rete fissa alla concorrenza, spiegando di aver chiarito questo punto con la commissaria Ue del settore, Viviane Reding.

La commissaria aveva ieri inviato una lettera a Calabrò manifestando il dubbio che gli impegni di Telecom avrebbero dovuto prima ricevere un via libera proprio dalla commissione.

CHIARIMENTO CON BRUXELLES

"Ieri a Bruxelles hanno avuto un dubbio che noi stessimo debordando da una procedura concorsuale di accordo. Mi sono sentito con la Reding con una lettera e abbiamo convenuto che le osservazioni della Ue fossero superabili. Per questo abbiamo preso la decisione", di approvare gli impegni di Telecom, ha spiegato Calabrò.

A questo proposito l'autorità ha distribuito copia della lettera in cui si legge: "Gentile commissario avendo chiarito che nel quadro delle direttive sulle reti di comunicazione elettronica non sussiste alcun obbligo giuridico di notifica preventiva alla Commissione ... desidero assicurarle una compiuta informazione sulla deliberazione assunta oggi".

Bernabè ha parlato di una decisione storica.   Continua...