Cellulari, altri 14 big appoggiano software Android di Google

mercoledì 10 dicembre 2008 11:40
 

SAN FRANCISCO (Reuters) - Quattordici dei maggiori produttori di telefonini e chip del mondo, inclusi Sony Ericsson, Vodafone e ARM Holdings, hanno aderito alla Open Handset Alliance che sostiene la piattaforma mobile Android sviluppata da Google.

L'impegno dei nuovi soci ad appoggiare il software Android è un passo notevole per Google nell'industria della telefonia mobile, mentre il suo telefonino T-Mobile G1 incalza il popolare rivale iPhone 3G di Apple.

Tuttavia, gli analisti dicono che ciò che conta per battere i concorrenti che usano il software open-source Linux sui cellulari -- come il produttore di software per smartphone Symbian, controllato da Nokia -- non è tanto l'adesione all'alleanza dei produttori, quanto l'effettivo utilizzo di Android nei nuovi smartphone che saranno lanciati nel 2009 e 2010,

"E' fantastico averli a bordo... ora (la Open Handset Alliance) deve assicurare che queste licenze facciano uscire dei prodotti", ha detto il vicepresidente strategia mobile della società di ricerche Jupitermedia, Michael Gartenberg.

La prima società che lancerà un apparecchio mobile con il sistema operativo Android è Sony Ericsson, joint venture tra la giapponese Sony e la svedese Ericsson. Il lancio del nuovo telefonino è previsto per la metà del 2009, ha detto ieri Sony Ericsson.

La Open Handset Alliance ha fatto sapere ieri che ogni suo membro si impegna a sviluppare applicazioni e servizi per i telefonini e apparecchi portatili che utilizzano la piattaforma Android o a sviluppare apparecchi mobili compatibili con Android.

Al momento, sono 47 le società che fanno parte della Open Handset Alliance, inclusi la taiwanese Asustek Computer, Toshiba, Garmin, ma anche colossi come Intel Motorola e Samsung Electronics .

Finora, 59 società hanno invece annunciato l'intenzione di aderire alla Symbian Foundation, una organizzazione non-profit simile.

Android è anche rivale del sistema operativo Windows Mobile di Microsoft, che sta guadagnando terreno.

 
<p>Un cellulare di HTC con il software Android di Google. REUTERS/Pichi Chuang</p>