Agcom chiede a Telecom significative modifiche su rete

mercoledì 26 novembre 2008 18:36
 

NAPOLI (Reuters) - L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha chiesto oggi a Telecom Italia "significative" integrazioni agli impegni proposti per garantire l'apertura della rete fissa di accesso, integrazioni da presentare entro l'8 dicembre.

Lo ha detto il presidente Corrado Calabrò al termine della riunione del consiglio di oggi pomeriggio a Napoli per valutare gli impegni presentati da Telecom Italia.

"Per garantire la piena parità di trattamento tra operatori alternativi e divisioni interne di Telecom Italia, viene chiesto che i contratti interni di servizio fra le direzioni commerciali e le direzioni wholesale contengano anche le condizioni economiche, ossia i cosiddetti transfer charge", spiega una nota del Garante distribuita in seguito.

"L'organo di vigilanza sugli impegni deve essere supportato da una struttura e da uno staff adeguato anticipando già le Linee guida del regolamento di funzionamento. Per chiarire funzioni ed organizzazione di tale organo l'Autorità ritiene inoltre che vada precisato il suo carattere complementare e non sostitutivo rispetto alle prerogative dell'Autorità".

Sul ruolo della nuova divisione di Telecom Open Access, creata proprio per un più trasparente accesso alla rete fissa, la nota dice che "tale struttura viene ad essere strettamente connessa con le procedure e con le modalità di funzionamento degli stessi impegni, e pertanto ogni eventuale modifica di Open Access dovrà essere preventivamente sottoposta alla valutazione dell'Autorità".

Telecom Italia dovrà inoltre assumere l'impegno ad aderire a due nuovi strumenti di governance che l'Autorità istituirà con il concorso di tutti gli operatori: "Da un lato, un organismo assimilabile all'Ota inglese, incaricato di risolvere le controversie in materia di servizi di accesso alla rete; dall'altro, un comitato Ngn [New generation network, rete di nuova generazione] presieduto dall'Autorità e con la partecipazione di tutti gli operatori, che proporrà all'Autorità soluzioni concrete alle problematiche tecniche ed organizzative del passaggio alle reti di nuova generazione".