Usa, personale Verizon accede illecitamente a cellulare Obama

venerdì 21 novembre 2008 11:36
 

NEW YORK (Reuters) - Verizon Wireless ha reso noto che alcuni suoi addetti hanno avuto accesso in modo illecito a un telefono cellulare non più attivo del presidente eletto degli Stati Uniti, Barack Obama.

Un collaboratore di Obama ha detto che però non sono stati letti o ascoltati né i messaggi vocali né le email. Gli addetti di Verizon Wireless hanno avuto accesso anche ai dati della bolletta dell'ex senatore dell'Illinois.

"Ci hanno informato ieri che alcuni addetti hanno avuto accesso ai dati di un vecchio cellulare che non è più in uso", ha spiegato il collaboratore di Obama. "Durante l'episodio non sono state lette email né ascoltati messaggi audio".

Verizon dice che l'apparecchio che è stato violato dai suoi addetti è un normale telefono cellulare e non un Blackberry né un altro telefono multi-funzione dotato di servizio email o per altri dati.

In una nota, il presidente e amministratore delegato di Verizon Wireless, Lowell McAdam, si è scusato con Obama e ha detto che tutti gli addetti che hanno avuto accesso al cellulare di Obama, sia autorizzati che non, sono stati messi in congedo pagato.

L'analista Michael King, che si occupa di telecomunicazioni per Gartner, ha spiegato che un addetto che abbia accesso alla bolletta di un utente può con ogni probabilità vedere anche i numeri telefonici che il cliente ha chiamato, la durata delle conversazioni e da dove e quando sono avvenute le chiamate.

Verizon non ha voluto fornire ulteriori dettagli sul tipo di informazioni cui gli addetti hanno avuto accesso, la durata e la frequenza dell'accesso non autorizzato.

 
<p>Il logo di Verizon Wireless. REUTERS/Rick Wilking (UNITED STATES)</p>