Rapporto Eurispes: "tecnoadolescenti" tra chance e rischi su Web

martedì 18 novembre 2008 11:44
 

ROMA (Reuters) - E' una generazione di "iperconnessi tecnoager" quella dei bambini e degli adolescenti italiani fotografata dall'Eurispes nel suo 9° Rapporto Nazionale sulla Condizione dell'Infanzia e dell'Adolescenza, presentata in collaborazione con Telefono azzurro oggi.

"Tv, telefonino, consolle, lettore mp3 e Internet fanno parte della dotazione hi-tech di base delle nuove generazioni che, approfittando della semplicità di accesso e dei costi relativamente contenuti che caratterizzano queste apparecchiature, li hanno trasformati in porte di accesso sul mondo e insieme strumenti privilegiati nella fruizione del tempo libero", si legge nel rapporto.

Basti pensare che quanti non possiedono un cellulare rappresentano ormai "una sparuta minoranza" e che tre ragazzi su 10 lo usano per più di 4 ore al giorno.

Parte consistente della giornata viene poi dedicata a navigare su Internet: nel 26,5% dei casi fino ad un'ora al giorno, nel 22,5% da 1 a 2 ore, nel 16,5% da 2 a 4 ore e nel 12,9% per più di 4 ore al giorno.

L'utilizzo più diffuso di Internet fra gli adolescenti concerne la ricerca di informazioni di proprio interesse (90,5%) e di materiale per lo studio (80%). Sono tuttavia estremamente diffusi il download di musica, film, giochi o video (72,5%) e la fruizione di filmati su Youtube (69%).

Mutano i linguaggi, osserva Eurispes, tanto che parlare fa rima ormai con chattare: sette adolescenti su dieci fanno nuove conoscenze oppure coltivano quelle preesistenti in chat, che scalza la "vecchia" posta elettronica come strumento privilegiato del "dialogare-scrivendo"

"La conquista tecnologica offre continuamente nuove possibilità di comunicazione e di espressione, accorcia le distanze, offre un mondo alternativo a quello reale che forse in questo momento storico appare agli occhi dei giovani meno interessante e meno stimolante", continua lo studio.

RISCHI

Eppure, tra le numerose potenzialità espressive offerte dalle tecnologie, avverte il rapporto, "si annidano nuove forme di violenza e di sopraffazione, come il cyberbullismo, ma anche il pericolo di abusi".   Continua...

 
<p>Il nuovo iPhone della Apple. REUTERS/Roni Rekomaa/Lehtikuva (FINLAND). NO THIRD PARTY SALES. NOT FOR USE BY REUTERS THIRD PARTY DISTRIBUTORS. FINLAND OUT. NO COMMERCIAL OR EDITORIAL SALES IN FINLAND.</p>