Blitz internazionale contro traffico di farmaci online

venerdì 14 novembre 2008 10:45
 

LONDRA (Reuters) - Le autorità di nove Paesi sono state impegnate nei giorni scorsi in un'operazione senza precedenti contro il traffico illegale di farmaci su Internet, coordinata dall'Interpol che ne ha dato notizia.

L'operazione chiamata in codice Pangea, si è estesa a decine di località in Gran Bretagna, Germania, Irlanda, Israele, Nuova Zelanda, Singapore, Svizzera, Canada e Stati Uniti.

I raid dimostrano che l'operazione è stata svolta su scala internazionale, ha detto una portavoce dell'Interpol, mentre la diffusione illecita di medicinali sul web diventa un problema sempre più grave, poiché molti prodotti sono contraffatti o di qualità dubbia potenzialmente pericolosi.

La britannica Medicines and Healthcare products Regulatory Agency, che ha effettuato il raid in 12 edifici residenziali e commerciali, afferma che la vendita illegale di farmaci su Internet rappresenta un pericolo serio per la salute pubblica.

In molti Paesi, l'abuso ed il traffico di medicine con prescrizione ora equivale o supera quello dell'uso illecito di eroina, cocaina, anfetamina oppiacei, dice l'International Narcotics Control Board, con sede a Vienna.

Internet è un canale facile da usare per questo traffico, visto che non pone meccanismi di controllo nazionale. Regolate a dovere, le farmacie su Internet possono invece costituire un servizio efficiente aumentando la concorrenza ed offrendo accesso a farmaci in zone che sono meno servite.

 
<p>Medicinali. REUTERS/Lucy Nicholson (UNITED STATES)</p>