eBay promuove Venderesicuro.it, per migliorare affari online

mercoledì 12 novembre 2008 14:35
 

ROMA (Reuters) - Vendere online in modo sicuro fa bene agli affari: basta rispettare poche e facili regole per conquistare la fiducia degli acquirenti ed aumentare così il profitto del proprio business.

Con questa filosofia, il gigante dell'e-commerce eBay ha promosso in Italia, insieme alla Polizia Postale, una campagna di educazione alla vendita sul web intitolata Venderesicuro.it, aprendo il minisito www.venderesicuro.it dove è possibile trovare indicazioni e link per impostare la propria attività di vendita in modo corretto, dalla realizzazione dell'inserzione fino alla spedizione del pacco.

"Mai come in una transazione online è fondamentale il rapporto di fiducia tra chi vende e chi acquista", ha detto Domenico Vulpiani, direttore del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni. "Sta alla responsabilità e professionalità del venditore avviare la vendita nel rispetto della sicurezza, dando garanzie ai compratori e dimostrando la propria affidabilità".

Secondo quanto spiega una nota, l'acronimo "SAFE" -- parola che in inglese significa "sicuro" -- sintetizza le quattro semplici regole fondate sul comune principio del mettersi sempre nei panni del potenziale acquirente: Sincerità nel descrivere il prodotto, Apertura alle esigenze del cliente, Flessibilità nel dare possibilità di scelta agli acquirenti, Efficienza nella fase di spedizione.

Sul minisito si può scaricare la "cassaforte della sicurezza", verificare con un test la propria conoscenza delle regole di base e ricevere un'analisi dettagliata delle risposte date, con consigli concreti su come aumentare e migliorare la sicurezza della vendita.

"Crediamo fermamente in questa campagna di sensibilizzazione realizzata con la preziosa collaborazione della Polizia Postale", ha affermato Marilù Capparelli, responsabile Affari Legali di eBay Italia. "Fornire poche e semplici regole di base agli utenti internet è un modo concreto per aiutarli nelle compravendite e far sì che il mondo del commercio elettronico cresca in modo sano e corretto".