Cina, debellati virus da internauti pro-Tibet stranieri

venerdì 7 novembre 2008 11:06
 

PECHINO (Reuters) - La Cina ha intercettato e distrutto virus telematici inviati da attivisti pro-Tibet oltremare durante le Olimpiadi di Pechino, secondo quanto hanno riportato oggi i media locali.

La Cina ha accusato i sostenitori del Dalai Lama di aver tentato di boicottare i Giochi architettando i disordini scoppiati in Tibet lo scorso marzo e le conseguenti proteste che si sono accese in diversi paesi nel mondo al passaggio della torcia olimpica.

Il Dalai Lama, leder spirituale del Tibet, ha respinto le accuse e ha chiesto ai tibetani di non manifestare durante i Giochi.

L'"attacco dei virus" è stato debellato dal "team per la protezione della sicurezza Internet alle Olimpiadi" di una compagnia specializzata in software antivirus, secondo quanto ha scritto il Beijing Youth Daily.

Il team ha individuato diversi file "word" e "ppt" sospetti che sono risultati essere virus worm legati a siti esteri in sostegno dell'indipendenza del Tibet.

Non è chiaro, però, perché i giornali cinesi abbiano atteso quasi tre mesi prima di dare la notizia.