Usa, Pentagono: contratto su satellite posticipato a 2010

lunedì 20 ottobre 2008 18:35
 

WASHINGTON (Reuters) - Il dipartimento della Difesa statunitense ha deciso di rinviare all'anno fiscale 2010 la decisione sull'assegnazione di un contratto multimiliardario per lo sviluppo di un programma di comunicazione satellitare, su cui competono Lockheed Martin Corp e Boeing Co.

Lo ha riferito una fonte del settore informata dei fatti.

Il Defense advisory working group (Dawg) del Pentagono ha stabilito sabato di porre fine alla gara in corso per il programma di trasformazione satellitare Tsat, e ha posticipato l'assegnazione di un contratto al quarto trimestre dell'anno fiscale 2010, secondo quanto ha riferito la fonte, che ha chiesto di restare anonima.

La Air Force sperava di poter siglare un accordo per il nuovo programma di comunicazione satellitare il prossimo dicembre, dopo aver completato un'approfondita revisione interna guidata dal responsabile per gli acquisti del Pentagono John Young.

Gary Payton, vice sottosegretario per i programmi spaziali dell'Aviazione Usa, ha detto ai giornalisti lo scorso mese che i funzionari hanno avviato le procedure di revisione per evitare contestazioni da parte di un'altra grande compagnia, ma che sarebbe stato necessario valutare attentamente i risultati di un nuovo studio sui bisogni della comunicazione militare satellitare.

Il programma Tsat ha già subito un taglio dei fondi del 40%, quando l'amministrazione Bush ha annunciato il budget per i suoi piani a lungo termine lo scorso febbraio.

"Questo programma sta affondando velocemente", ha detto Loren Thompson, analista del Lexington Institute che ha base in Virginia, aggiungendo che la decisione di posticipare il contratto potrebbe avere gravi conseguenze sull'obiettivo dell'esercito Usa di offrire ai propri soldati impegnati sul campo l'accesso alle comunicazioni satellitari in breve tempo.

Il primo satellite Tsat -- ha continuato Thompson -- non verrà lanciato, con questo posticipo, che dopo il 2019. Ciò, secondo l'analista, fa sorgere dei dubbi circa la capacità dell'esercito statunitense di portare avanti il suo programma di ammodernamento dei sistemi militari, che dovranno dipendere fortemente da un'avanzata comunicazione satellitare.

Boeing e Lockheed, in team con Northrop Grumman, hanno vinto entrambi un appalto per i lavori preliminari del programma Tsat, ma le compagnie attendono impazienti di firmare un contratto che potrebbe valere ben oltre 10 miliardi di dollari nel lungo termine.