Cina estenda libertà ai media locali, dicono gruppi diritti

domenica 19 ottobre 2008 16:49
 

PECHINO (Reuters) - La Cina dovrebbe estendere le libertà ora riconosciute alla stampa estera anche ai propri giornalisti. Lo hanno detto gruppi per i diritti civili, aggiungendo che i segnali su quanto accade non sono incoraggianti.

La Cina venerdì scorso ha esteso all'ultimo minuto le libertà di stampa riconosciute ai giornalisti esteri garantite inizialmente durante le Olimpiadi, che potranno girare il Paese liberamente, anche se con alcune restrizioni in Tibet.

Ma la stampa cinese è stata esclusa da questi diritti.

"Il governo cinese dovrebbe rispondere alla richiesta del suo stesso popolo, dovrebbe rispettare la costituzione che garantisce libertà di stampa, un diritto per esercitare il quale molti giornalisti cinesi hanno pagato e continuano a pagare un alto prezzo", ha detto Sharon Hom, direttore di Human Rights in Cina, in una dichiarazione.

Il gruppo PEN in un altro rapporto ha rilevato che il controllo sui media e la mancanza di libertà di espressione restano problemi seri a due mesi dalla fine delle Olimpiadi.

 
<p>Giornalsiti nel principale centro stampa allestito per le Olimpiadi di Pechino. REUTERS/Daniel Aguilar (CHINA) (BEIJING OLYMPICS 2008 PREVIEW)</p>