Australia,lamentele in aeroporto su nuovo "striptease virtuale"

martedì 7 ottobre 2008 10:07
 

SYDNEY (Reuters) - La sperimentazione di uno scanner corporeo ai controlli di sicurezza negli aeroporti australiani sta preoccupando alcuni passeggeri su una possibile violazione della propria intimità e sull'eventualità che immagini private del proprio corpo possano finire su Internet.

Gli scanner corporei usano un'onda radio a bassa frequenza per creare un'immagine, che mostra gli oggetti nascosti che si portano addosso, secondo quanto ha riferito l'Ufficio per la sicurezza dei trasporti (Ots).

Ma lo scanner mette in evidenza anche le forme del corpo. La passeggera Samantha Jones ha detto a un media locale di essere preoccupata che le immagini possano essere salvate e finire su Internet, e di non sopportare che un estraneo possa vederle.

Altri si sono lamentati definendo lo scanner uno "strip-tease virtuale".

Ma l'Ots afferma che la privacy dei passeggeri è protetta. "I visi sono oscurati, chi visiona le immagini per la sicurezza si trova in un altra stanza e non può vedervi, le immagini non vengono salvate e non possono essere trasferite", ha detto Ots sul suo sito web www.infrastructure.gov.au

Il direttore esecutivo dell'Ufficio Paul Retter ha detto che i passeggeri non verranno costretti a sottoporsi alla scannerizzazione finché è in via sperimentale.

"Durante il collaudo, chi viaggia potrà scegliere tra scannerizzare i bagagli e passare attraverso il metal detector, o optare per la nuova tecnologia in prova e fornirci un feedback", ha detto Ritter.

Le macchine sono già in uso all'aeroporto di Schiphol, ad Amsterdam, dove sono state introdotte nel 2007 dopo un anno di sperimentazione.

 
<p>Un'immagine di archivio di controlli all'aeroporto. REUTERS PICTURE</p>