Scuola, ministro annuncia lavagna interattiva e pagella online

giovedì 2 ottobre 2008 21:16
 

ROMA (Reuters) - Il maestro sarà unico, nella scuola elementare del 2009, nonostante i timori delle famiglie sul tempo pieno e degli insegnanti sui posti soppressi. Ma gli studenti delle medie, intanto, avranno diritto già dalla fine di quest'anno alla "lavagna elettronica", mentre dall'anno prossimo la pagella andrà online.

L'annuncio è venuto oggi dal ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini e da quello della Innovazione e Funzione Pubblica Renato Brunetta, a Palazzo Chigi insieme al premier Silvio Berlusconi per parlare di scuola.

La lavagna interattiva multimediale (Lim), con pc portatile, videoproiettore e casse acustiche, arriverà in circa 10mila classi, grazie a un investimento di 20 milioni di euro del ministero di viale Trastevere.

"I contenuti proiettati sulla Lim, che deve essere collegata a un videoproiettore e a un pc, funzionano esattamente come sul computer - dice un comunicato dell'Istruzione - le icone possono essere cliccate, i file selezionati, trascinati, aperti, modificati, collegati, salvati e cancellati".

Sulla Lim i gesti familiari della scrittura e del disegno vengono codificati in forma di 'inchiostro digitale'".

A formare circa 24mila docenti sull'utilizzo della "lavagna elettronica" sarà l'Agenzia nazionale per lo sviluppo dell'autonomia scolastica.

Il progetto partirà a dicembre nelle prime 1.180 scuole, dice il ministero, cioè "il 10% degli istituti scolastici principali".

Nel mese di dicembre 2009 il progetto verrà attivato in 4.180 scuole (il 40% degli istituti scolastici principali). Le scuole potranno così sviluppare contenuti didattici digitali, fruirne in rete e utilizzare strumenti di collaborazione come blog, wiki e videoconferenze".

Sempre nel dicembre 2009, arriverà invece un pacchetto di servizi web, tra cui pagella online, registro digitale, "rilevazione assenze/presenze con comunicazione via cellulare o email, accesso in rete al fascicolo elettronico dello studente, prenotazione colloqui", annuncia il ministero.

A usufruirne saranno all'inizio 4.000 scuole, il 40% del totale.