Multa record per Microsoft da Commissione Ue, 899 milioni euro

mercoledì 27 febbraio 2008 11:53
 

BRUXELLES (Reuters) - La Commissione Europea ha multato oggi Microsoft per una cifra record, 899 milioni di euro - ben oltre la sanzione originaria - per non aver rispettato le sanzioni imposte al gigante mondiale del software sulla violazione della normativa antitrust.

La Commissione ha al momento multato Microsoft per complessivi 1,68 miliardi di euro, per la violazione originale e per non aver rispettato le sanzioni, una cifra superiore a quella imposta a qualsiasi altra azienda. Ma l'esecutivo Ue dice anche che nessuna altra società aveva mai ignorato le sanzioni imposte.

Secondo Microsoft, però, la multa comminata oggi riguarda "questioni passate".

"Stiamo analizzando l'azione della Commissione - dice un comunicato dell'azienda guidata da Bill Gates - Nell'ottobre 2007 la Commissione aveva annunciato che Microsoft aveva pienamente rispettato la decisione del 2004, dunque queste multe riguardano questioni passate che sono state risolte".

"Microsoft è la prima società in 50 anni di politica sulla concorrenza Ue che la Commissione ha dovuto multare per non aver rispettato una decisione in materia di antitrust", ha detto la Commissaria alla Concorrenza Neelie Kroes in un comunicato.

In una storica sentenza del 2004 - confernata l'anno scorso dalla corte europea - la Commissione affermò che Microsoft non aveva fornito le necessarie informazioni sull'interoperabilità ai produttori rivali di software per i cosiddetti "work group server". Si tratta dei programmi informatici che gestiscono stampanti e accessi in piccole reti informatiche, ma che per funzionare devono connettersi con pc che hanno Windows come sistema operativo.

A Microsoft era stato ordinato di fornire le informazioni, ma l'azienda aveva risposto che lo avrebbe fatto solo dietro il pagamento di ampie royalty. Un atteggiamento irragionevole, per Bruxelles.

"Spero che la decisione di oggi chiuda un capitolo buoio nel record di Microsoft nel non-rispetto della decisione del marzo 2004 della Commissione", ha detto Kroes.

Dopo aver multato Microsoft nel 2004 per 407 milioni di euro, la Commissione aveva comminato un'altra sanzione da 280,5 milioni nel luglio 2006 per non aver rispettato le sanzioni entro la scadenza del 21 giugno dello stesso anno.

"Come abbiamo dimostrato la scorsa settimana con i nostri nuovi principi di interoperabilità e di azioni specifiche per aumentare le aperture dei nostri prodotti, ci stiamo concentrando sui passi che miglioreranno le cose per il futuro", ha risposto Microsoft nel suo comunicato.

 
<p>Il commissario europeo alla Concorrenza Neelie Kroes durante la conferenza stampa tenuta oggi sull'aaffare Microsoft. REUTERS/Yves Herman (BELGIUM)</p>