18 giugno 2008 / 14:44 / 9 anni fa

Authority Tlc incontra Telecom 25/6, colloqui con altri

<p>Un uomo al telefono davanti a un centro Telecom Italia.Dario Pignatelli (ITALY)</p>

MILANO (Reuters) - L'autorità per le Comunicazioni, si incontra con Telecom Italia e con gli operatori alternativi, sulla rete di telefonia fissa, ma non è detto che riesca ad arrivare con un accordo definitivo entro la scadenza del mese di luglio, secondo fonti di settore.

"L'autorità dovrebbe andare all'audizione in Parlamento, che si tiene generalmente a luglio, con una proposta articolata da parte di Telecom Italia", dice una fonte.

Secondo un'altra fonte, si tiene domani un consiglio Telecom, che potrebbe approvare la proposta da presentare.

"L'autorità ha invitato l'AD di Telecom Italia (Franco Bernabè) per il 25 giugno", dice una seconda fonte. "Incontrerà anche gli altri operatori".

Agli operatori alternativi è stato anche chiesto di presentare, entro i primi del mese, una serie di informazioni utili ai fini della trattativa.

BT ha già avuto colloqui con l'autorità all'inizio della scorsa settimana, nell'ambito di incontri sulle problematiche del settore in generale.

Nelle dichiarazioni ufficiali, rilasciate subito dopo, sono emersi anche i punti di contrasto con Telecom Italia sulla rete di telefonia fissa.

Il numero uno di BT Italia, Corrado Sciolla, ha detto che è importante separare la rete d'accesso e ha escluso la possibilità di un alleggerimento degli obblighi Telecom Italia sui servizi retail, prima della discesa della quota di mercato.

Fonti di settore, vicine all'ex-monopolista, dicono che la separazione funzionale non è più un obiettivo dopo la creazione della divisione Open Acess e che non è necessaria per garantire trasparenza e parità di trattamento tra tutti gli operatori, che è quello che vuole l'autorità.

E' probabile che Telecom offra tutte le garanzie necessarie per garantire la parità sull'accesso alla rete chiedendo però in cambio la deregolamentazione nei servizi retail.

In Gran Bretagna la separazione funzionale è stata accompagnata da una liberalizzazione su questo fronte.

Su questo però incontra la ferma opposizione degli operatori alternativi, che argomentano affermando che oltre Manica questo passaggio è stato possibile perchè BT aveva il 50% del mercato. In Italia Telecom ha una quota ben superiore, pari a circa il 75%, e quindi l'ipotesi non è praticabile senza creare squilibri sul fronte della concorrenza.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below