Usa, Ibm sospesa da appalti federali

martedì 1 aprile 2008 08:28
 

SAN FRANCISCO (Reuters) - IBM è al centro di un'inchiesta dell'Agenzia per la Protezione Ambientale statunitense per un contratto da 80 milioni di dollari ottenuto nel 2006 per modernizzare i sistemi finanziari dell'Epa, e all'azienda è stato vietato per il momento di partecipare ad altri appalti di agenzie Usa. Lo ha annunciato la stessa Ibm.

Inoltre, Ibm ha reso noto che la procura del Distretto orientale della Virginia ha notificato all'azienda e ad alcuni suoi impiegati un invito a testimoniare davanti a un grand jury e a fornire documentazione sull'interazione tra i propri dipendenti e quelli dell'Epa.

Ibm, il più grande fornitore mondiale di servizi informatici, ha detto di aver appreso venerdì scorso della temporanea sospensione dall'Epa per presunte violazioni del codice etico nel contratto del marzo 2006.

La sospensione temporanea si applica a tutte le agenzie federali e alle controllate di Ibm, anche se l'azienda può continuare a lavorare nell'ambito dei contratti già ottenuti, a meno di indicazioni particolari, dice un comunicato.

Il segretario dell'Epa Jonathan Shradar ha detto in un comunicato che la sua agenzia ha temporaneamente vietato all'Ibm di accedere a nuovi contratti federali dal 27 marzo, senza fare altre dichiarazioni.

Ibm dice di essersi impegnata a offrire piena cooperazione alle autorità sulla vicenda. Secondo le leggi federali, l'azienda ha 30 giorni per contestare la portata della sospensione. Il divieto ad accedere a contratti federali può durare fino a un anno di tempo.

 
<p>La sede di IBM a Parigi. TECOM REUTERS/Philippe Wojazer ABP/TC</p>